Visualizzazioni Totali

IL MIGLIOR BLOG TECNOLOGICO DEL WEB: PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI SULLE NOVITA' DEL BLOG DA OGGI CI TROVATE ANCHE SU FACEBOOK! (LINK A SINISTRA)

giovedì 22 novembre 2012

Come Testare la RAM: Memtest

Spesso quando si lavoro molto al pc, può capitare di avere malfunzionamenti improvvisi.
Ovvero riavvi oppure schermate blu, prima di perdere la pazienza e di formattare vi consiglio di controllare che il pc non abbia un problema hardware ovvero di RAM.
Fa al caso nostro un piccolo programma freeware chiamato MEMTEST.
Se la RAM è parzialmente danneggiata il computer può funzionare bene per delle ore e poi bloccarsi completamente, oppure funzionare solo per pochi minuti, tutto questo in modo del tutto casuale in quanto dipende dal momento in cui i settori danneggiati della RAM vengono utilizzati.
Per testare la RAM possiamo utilizzare MemTest86+, un programma di diagnostica completamente gratuito che attraverso dei test è in grado di evidenziare gli eventuali problemi della nostra RAM. Per testare in maniera approfondita la RAM è consigliabile non eseguire Memtest da Windows, ma bisogna lanciarlo prima che il sistema operativo si carichi.


AVVIARE MEMTEST DA UN CD/DVD
Creare un CD/DVD di avvio che si carica prima del sistema operativo ed esegue Memtest.
Scaricate Memtest86+ Bootable ISO, ed estraete il file memtest.iso dal file compresso.
A questo punto vi basta masterizzare il file immagine per creare un cd d’avvio, vi consiglio di utilizzare un CD riscrivibile, è un peccato sprecare un CD per un programma che non occupa nemmeno 2 Mb.
A masterizzazione conclusa riavviate il PC lasciando il CD inserito, all’avvio dovrebbe essere riconosciuto e Memtest dovrebbe partire in automatico, se non è così dovete modificare la sequenza di Boot all’interno del BIOS.


COME UTILIZZARE MEMTEST
Memtest partirà automaticamente e vedrete una strana schermata piena di numeri.
Esso eseguirà una serie di test, anzi, dei cicli di test, che hanno lo scopo di stressare la vostra RAM per vedere se tutto funziona bene.
Lasciatelo lavorare il più possibile, almeno un paio d’ore, in questo modo riuscirà a fare più cicli di test e avrete più probabilità che venga trovato il problema, ammesso che esista.
Dopo un paio d’ore tornate a guardare la schermata e concentratevi sui tre valori che nell’immagine precedente vedete evidenziati da tre frecce verdi. Il campo Pass indica il numero di cicli nei quali non sono avvenuti errori, i campi Errors e ECC Errs indicano il numero di eventuali errori rilevati.
Come avrete già capito se il numero di errori sarà zero, la vostra RAM molto probabilmente gode di buona salute, mentre se sono segnalati degli errori significa che qualcosa non è andato per il verso giusto, più errori ci sono e maggiore è la probabilità che la RAM vi stia lasciando.
Per avere dati attendibili i test vanno fatti per un lungo tempo ed anche ripetuti più volte, spesso infatti, quando i settori difettosi sono pochi, è difficile individuarli velocemente. In presenza di errori dovrebbero anche comparirvi delle righe rosse al centro dello schermo che indicano il tipo di errore rilevato.


CONCLUSIONI
Nei casi di danneggiamenti più lievi, saranno i programmi che utilizzare ad avere comportamenti inaspettati, chiudendosi o mostrando finestre d’errore.
Memtest è un must nel settore, è il programma gratuito per la diagnostica della ram più utilizzato, se avete il dubbio che la RAM del vostro PC abbia dei problemi vi consiglio di utilizzarlo per accertarvene.
La RAM è un componente che si guasta più spesso di quello che si pensa, soprattutto in presenza di corrente elettrica non stabile accompagnata da un alimentatore scadente.

Nessun commento:

Posta un commento