Visualizzazioni Totali

IL MIGLIOR BLOG TECNOLOGICO DEL WEB: PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI SULLE NOVITA' DEL BLOG DA OGGI CI TROVATE ANCHE SU FACEBOOK! (LINK A SINISTRA)

lunedì 27 ottobre 2014

Blackphone: Il Telefono Anti-Intercettazioni

Blackphone, è un nuovo Smartphone.
La particolarità sta nel fatto che è un telefono anti intercettazioni.
Esteticamente il telefono non è eccezionale: tutto nero come suggerisce il nome, ha un monitor da 4,7 pollici HD e IPS, CPU di almeno 2 GHz, 2 GB di Ram, camera frontale con 8 MegaPixel e flash, 16 GB di memoria e connettività LTE, HSDPA+ e Bluetooth 4.0.
Il processore è Nvidia Tegra 4i a 2 GHz, assistito da 1 GB di RAM.
La memoria interna da utilizzare per app, foto e video è di 16 GB espandibile.
Lo schermo è da 4.7 pollici IPS e ha una risoluzione di 720 x 1280 pixel.
Inoltre il telefono è compatibile con le reti 4G in Europa.
Il prezzo si aggira intorno ai 455 Euro.


SICUREZZA CON PRIVATOS
Gli sviluppatori hanno modificato il sistema operativo principale, Android 4.4 KitKat, introducendo nuove misure di sicurezza.
Il risultato è PrivatOS, un sistema che utilizza i server di Silent Circle per crittografare le comunicazione che avvengono sul dispositivo, ma solo quelle che sfruttano i servizi dell’azienda produttrice.
In poche parole se vogliamo inviare un semplice SMS, un messaggio di chat o un video messaggio, non saremo certi di non essere spiati se non lo facciamo utilizzando le specifiche app di Silent Circle.
Per questo, negli USA, chi acquista il Blackphone riceve tre licenze di un anno per sfruttare i servizi di Silent Circle, permettendo anche ad amici e famigliari di godere dello stesso servizio.
Inoltre si avrà anche una sottoscrizione di due anni al servizio di cloud protetto SpiderOak , che mette al sicuro i dati degli utenti crittografando sia le comunicazioni che i data center dove sono salvati i file.
Il Blackphone è un dispositivo che protegge gli utenti a livello globale, mettendoli a conoscenza di quello che accade nel sistema.
Il “Security Center” informa il possessore delle richieste di accesso ai dati fatte dalle app installate.
Così se un gioco o un’applicazione vuole accedere ai contatti, il Blackphone aggira il problema indirizzando la richiesta verso una rubrica parallela, che non mostra alcun indirizzo, al massimo dei nomi fasulli preimpostati
Come sottolineano gli sviluppatori, il Blackphone non è solo per i maniaci della privacy ma “per tutti, dai manager ai comuni cittadini, per chi non vuole avere qualcuno che li spii costantemente e non desidera affidarsi ad aziende che fanno dei loro dati il proprio business”, afferma il direttore generale dell’azienda, Toby Weir-Jones.

Nessun commento:

Posta un commento