Visualizzazioni Totali

IL MIGLIOR BLOG TECNOLOGICO DEL WEB: PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI SULLE NOVITA' DEL BLOG DA OGGI CI TROVATE ANCHE SU FACEBOOK! (LINK A SINISTRA)

sabato 14 marzo 2015

Violazione Di Privacy? Wikipedia Denuncia La NSA

Wikimedia, l'organizzazione no profit responsabile di Wikipedia, ha depositato una denuncia nei confronti della NSA per violazione della privacy dei suoi utenti: al centro c'è il sistema di intercettazioni di massa svelate da Edward Snowden e fulcro dello scandalo meglio noto con il nome Datagate.

"Wikipedia è fondata sulle libertà di espressione, informazione e inchiesta. Violando la privacy dei nostri utenti, la NSA sta minacciando la libertà intellettuale che è al centro della capacità delle persone di creare e comprendere la conoscenza".

Perché la sorveglianza pervasiva "reprime la libertà di espressione e il libero scambio di conoscenza che Wikimedia ha voluto rendere possibile" si legge nell'editoriale.
Per Wales, "la conoscenza può fiorire dove la privacy è protetta".


VIOLAZIONI
Wikimedia, nella propria denuncia, richiama l'attenzione sulla violazione del Primo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti d'America, che protegge la libertà di espressione ed associazione, e del Quarto emendamento che tutela i cittadini da perquisizioni e sequestri immotivati.
"Le attività su Wikipedia toccano aspetti sensibili e privati possono rivelare tutto, dai credo politici e religiosi all'orientamento sessuale e alle condizioni di salute": le intercettazioni di NSA su servizi come Wikipedia, a partire dalle dorsali in cui scorre il traffico di rete, costituiscono una grave ingerenza nella vita dei cittadini, rischiano di ridurli al silenzio.
"Minando le conversazioni online, l'NSA mina le base stesse della democrazia", ha riferito il direttore esecutivo Tretikov.
La privacy è infatti il presupposto per la libertà di espressione e la libertà di associazione: "la conoscenza fiorisce nel momento in cui la privacy è protetta".
Accanto a Wikimedia si sono schierate altre otto organizzazioni tra cui Human Rights Watch, Amnesty International USA e American Civil Liberties Union.

Nessun commento:

Posta un commento