Visualizzazioni Totali

IL MIGLIOR BLOG TECNOLOGICO DEL WEB: PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI SULLE NOVITA' DEL BLOG DA OGGI CI TROVATE ANCHE SU FACEBOOK! (LINK A SINISTRA)

martedì 2 giugno 2015

VPN Hola Usa La Banda Degli Utenti Come Una Botnet?

VPN Hola è un servizio utilissimo e soprattutto gratuito: basta scaricare il plug-in per Chrome e si ha la possibilità di avere una VPN da usare come meglio crediamo.
Essendo un servizio gratuito, la maggior parte degli utenti sembra che la usi per vedere o comprare servizi limitati geograficamente, tipo Netflix in USA e usufruirne ovunque.
I responsabili della società 8chan si sono però scagliati contro la stessa società che gestisce Hola.
L'accusa, confermata da Torrentfreak, è che Hola VPN stia utilizzando la banda di rete dei suoi utenti per rivenderne il suo utilizzo ad altri soggetti (indipendentemente dal fine per cui poi verrà utilizzata quella banda).
Di fatto, entrando a far parte del network Hola VPN, gli utenti accettano di mettere a disposizione di Hola la loro banda di rete e di farvi quindi transitare anche il traffico dati di terzi, completamente sconosciuti.
L'utilizzo della banda di rete avverrebbe nei momenti in cui il computer non è utilizzato ossia è "in idle".
In questi frangenti, la banda degli utenti verrebbe rivenduta a terzi e da questi utilizzata per gli scopi più disparati.
Tanto che, sempre secondo Torrentfreak, alcuni malintenzionati avrebbero già usato la banda di rete degli utenti di Hola, ad esempio, per lanciare attacchi DoS.
Insomma il funziomento simile a quello di una botnet.
"I responsabili del servizio Hola VPN hanno nelle mani una sorta di botnet che può essere utilizzata per qualunque genere di attività", sostiene 8chan.
L'azienda chiamata in causa non ha per il momento negato le accuse.


COME FUNZIONA HOLA
Hola è strutturata come un rete nella quale ogni utente è un nodo.
Gli utenti iscritti al network smistano il traffico richiesto, sfruttando la parte di banda che al momento è inutilizzata.
Questo permette al servizio di avere una grande flessibilità, ma anche di essere fonte di problemi.
Mettiamo caso che qualcuno voglia consultare anonimamente un sito che contiene materiale illegale: di chi sarebbe l'ip che si collega effettivamente al sito?
Ovviamente quello dell'utente che ha rappresentato il nodo d'uscita.

Nessun commento:

Posta un commento