Visualizzazioni Totali

IL MIGLIOR BLOG TECNOLOGICO DEL WEB: PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI SULLE NOVITA' DEL BLOG DA OGGI CI TROVATE ANCHE SU FACEBOOK! (LINK A SINISTRA)

sabato 8 ottobre 2016

La Storia Dei MUD: Multi User Dungeon & Multi User Dimension

MUD era il nome di un gioco nato nel 1979.
In realtà quando si cita questo nome ci si riferisce ad una vera e proprio corrente, per molti sarebbe l'acronimo di "Multi User Dungeon", mentre per altri di "Multi User Dimension".
In generale possono essere definiti MUD tutti quegli ambienti virtuali che è possibile esplorare interagendo con altri utenti (tipicamente chattando o combattendo) che sono connessi al server contemporaneamente a noi.
Si tratta dunque di una realtà virtuale accessibile tramite Internet.
I MUD possono essere testuali o grafici, essi utilizzavano terminali TELNET ed erano basati principalmente sui giochi di ruolo quindi orientati al combattimento, risoluzione di puzzles, magie e all’esplorazione di caverne (i Dungeon appunto) e mondi alla ricerca di tesori nascosti, altri ancora erano semplici chat o luoghi d'incontro.
Gli utenti si connettevano a questi MUD, oltre che per giocare, anche per socializzare.
Ogni utente controllava un proprio alter ego attraverso il quale camminava, parlava con altri personaggi, risolveva enigmi, evitava mostri e trappole.


ADVENTURE
La prima avventura dotata di parser testuale è stata creata da Will Crowther su un DEC PDP-10 agli inizi del 1970, essa fu in seguito ampliata e perfezionata da Don Woods alla Stanford University nel 1976, che decise di ambientare il gioco nell’universo Tolkeniano del "Signore degli Anelli" e di chiamarlo semplicemente Adventure.
Scopo di Adventure era quello di trovare un certo numero di tesori nascosti dando dei comandi a riga di comando in base alle descrizioni che di volta in volta il programma emetteva.


MUD
Dicevamo prima che l’aspetto caratterizzante dei MUD è sicuramente quello dell’interazione tra più persone.
Il primo gioco ad implementare questa caratteristica fu programmato in MACRO-10 il linguaggio macchina del DECsystem-KL10.
Il gioco venne chiamato MUD e all’inizio non era altro che una serie di locations (stanze) interconnesse tra loro che potevano essere esplorare per cercare altri utenti con cui dialogare.
In seguito vennero aggiunti determinati comandi ed armi in un file di testo.
In questo modo si poteva consentire a giocatori "particolari" di poter aggiungere di volta in volta le proprie definizioni di nuovi oggetti e di nuovi comandi.
Gli utenti con questi particolari poteri furono in seguito chiamati Wizard.
In seguito Richard Bartle sviluppò un sistema di punteggi, implementò l’utilizzo del mobilio e dei contenitori, fornì agli avventurieri degli enigmi da risolvere e degli obiettivi da raggiungere, perfezionò tutta la "fisica" del mondo simulato (come ad esempio il sistema di luci).
Il primo contatto con un giocatore esterno alla rete interna dell’università avvenne nella primavera del 1980, quando l’università del Essex si connetté all’allora ARPANET (l’infrastruttura portante che fece poi nascere Internet) e a JANET (il network accademico Britannico).


THE SCEPTER OF GOTH
The Scepter Of Goth, oltre ad essere il primo MUD ad essere scritto in C per poter funzionare su un sistema IBM XT, è anche l’unico progetto che può contendere a MUD1 il primato di primo mondo virtuale.
Il prototipo risale sempre al 1979.
Il programma inizialmente fu scritto in Basic (con alcune particolari routine in Assembler) e venne chiamato inizialmente Empire.


AMBERMUD E MUNDI
Un altro progetto nato a partire da MUD1 è AmberMUD.
Esso fu scritto da Alan Cox ,(a partire dal codice sorgente di MUD1) uno studente dell’università di Aberystwyth (da qui il nome del gioco) in Galles, e assiduo giocatore di MUD1.
MUNDI che, pur non essendo mai stato distribuito, è ricordato per essere il primo MUD ad essere espressamente creato cercando di ottimizzare le prestazioni di rete.


TINYMUD
Nonostante quindi già da meta degli anni ‘80 i MUD cominciarono ad essere giocati più o meno in ogni parte del mondo la vera esplosione dei MUD la si deve al progetto TinyMUD.
TinyMUD nacque dalla mente di James Aspnes, allora studente della Carnegie Mellon University.
Esso fu installato per la prima volta nel 1989 sulla porta 4201 della macchina "lancelot.avalon.cs.cmu.edu".
Nonostante le ovvie limitazioni del programma, Aspnes infatti decise inizialmente di abbandonare il progetto quando TinyMUD andò in crash superando i 32 megabyte imposti come limite sulla grandezza dei processi.
TinyMUD fu, insieme ai suoi derivati TinyMUCK e TinyMOO, uno dei sistemi MUD più popolari su Internet.
Con i server TinyMUD nacquero così le prime definizioni alternative al genere classico, si cominciò ad utilizzare dei termini come MUSH (Multi User SHared allucinations) e MOO (MUD Object Oriented).
TinyMUD infatti si distingueva dai suoi predecessori soprattutto per il fatto che il gameplay era più orientato alla comunicazione e alla creazione di mondi che non al combattimento e alla mera esplorazione di caverne.
Si ricorda anche TinyHELL.


LPMUD
Lars Pensjö, un ragazzo svedese, decise di scrivere un server che unisse i pregi di AmberMUD con quelli di TinyMUD.
Prese vita così LPMUD: sviluppato dapprima in C (su piattaforma System V usando IPC) fu poi riscritto interamente in C++ (per poterne sfruttare le caratteristiche Object Oriented).
Grazie a LPMUD i Wizards poterono finalmente costruire i propri mondi a proprio piacimento: non erano più limitati ad aggiungere qualche contenitore qua e là, ma adesso erano in grado di costruire case, strade, fattorie e tutto quanto gli venisse in mente.


FINE ANNI 90/INIZIO NUOVO MILLENNIO
In Italia il primo MUD si sviluppa negli anni 90: parliamo di Necronomicon, grazie a Videotel.
In anni relativamente recenti possiamo ricordare Threshold, TorilMUD, Achaea Dreams Of Divine Lands, Alter Aeon, IfMUD, Darkness Falls The Crusade.
Tutti questi sono della seconda metà degli anni 90.
Nel nuovo millennio si ricordino RuneScape, TriadCity, Wyvern e God Wars II.

4 commenti:

  1. Scusami Darkdave non so come fare una domanda in privato..ma vabbè...volevo chiederti dove posso trovare the noob guide degli anonymous,dato che su ghostbin l hanno rimosso...comunque sei un mito...mai visto un blog così aggiornato ;) (ah giusto,un altra domanda,come posso farti domande in privato senza commentare i post)

    RispondiElimina
  2. O magari se hai qualche profilo facebook

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, si, il link Facebook sta in alto a sinistra.

      Elimina