Visualizzazioni Totali

IL MIGLIOR BLOG TECNOLOGICO DEL WEB: PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI SULLE NOVITA' DEL BLOG DA OGGI CI TROVATE ANCHE SU FACEBOOK! (LINK A SINISTRA)

sabato 22 aprile 2017

Follow The Money e Follow The Hosting: Le Tecniche GDF Contro I VPS

Negli ultimi mesi sono sempre più i siti pirati chiusi dalla Guardia di Finanza, il tutto tramite due nuove tecniche investigative.
"Follow The Money" è una tecnica che consiste nel seguire i flussi di denaro generati dalla pubblicità presente sui siti di streaming illegale.
Questo perchè coloro che forniscono questo tipo di servizi non lo fanno gratuitamente ma inseriscono banner pubblicitari che portano al guadagno dopo averci cliccato sopra.
Ovviamente, quei soldi, da qualche parte devono pur finire.
Per questi motivi, per evitare di essere tracciati, i siti di streaming illegale hanno un po' cambiato metodologia di guadagno.
Insomma inserzioni pubblicitarie sino ad un certo punto ed utilizzo di servizi "Cloudflare" a go go.
Il profitto è costituito ora dagli utili derivanti dalla sottoscrizione di abbonamenti presso i "Cloud", affinché ogni utente possa fruire illegalmente delle opere multimediali tutelate.
Dunque approvato ciò, la seconda tecnica utilizzata è chiamata "Follow The Hosting" e chiama in causa direttamente i provider italiani.
Come detto molti di questi siti utilizzano dei sistemi di anonimato basati sul Cloud come Cloudflare per far risultare i server all’estero e cercare di farla franca.
Quando le forze dell’ordine trovano un sito che distribuisce contenuti illegali, chiedono ai provider di verificare la presenza di un servizio “Web Hosting, Cloud Hosting, VPS Hosting, Server Dedicato” e così risalire al reale intestatario del sito.
Insomma l'idea è di scavalcare l'architettura complessa che prova a porre una serie di ostacoli per risalire alla collocazione effettiva del server che eroga i contenuti.
In parole povere i siti risultano all'estero pur essendo gestiti dall'Italia, e la GdF ha sviluppato una metodologia di indagine che le consente di aggirare quella che chiama "anonimizzazione" garantita da sistemi VPS.
In tal modo si arriva ad identificare l’utente responsabile dell’attività criminale, rendendo inefficace l’adozione dei sistemi di anonimato utilizzati da tali soggetti per coprire le loro condotte illecite.

Nessun commento:

Posta un commento