Visualizzazioni Totali

IL MIGLIOR BLOG TECNOLOGICO DEL WEB: PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI SULLE NOVITA' DEL BLOG DA OGGI CI TROVATE ANCHE SU FACEBOOK! (LINK A SINISTRA)

giovedì 14 dicembre 2017

Come Seguire Il Passaggio Dei Satelliti (GPRedict)

I satelliti vengono messi in orbita per diversi motivi: telerilevamento, telecomunicazioni, etc
Per calcolarne le orbite e predirne i passaggi è fondamentale avere un navigatore e/o un’antenna GPS ma in realtà possiamo utilizzare anche il nostro computer grazie a GPRedict che è un software free.
Esso permette di avere una mappa dei satelliti in tempo reale e inoltre permette pure l’interfacciamento con gli Rtx radioamatoriali nonché i rotori d’antenna.
Una volta installato ed eseguito il programma per prima cosa dovremo collegarci a internet ed aggiornare la lista dei satelliti, accedendo in alto nei menù a tendina alla voce “Update TLE/From network” , una volta aggiornato l’elenco e i dati come detto avremo aperto il modulo(ovvero un raggruppamento di satelliti monitorati insieme appartenenti ad una specifica categoria) “Amateur” ma potremo aggiungere e modificare quanti moduli vogliamo.
Come si fa? Basta cliccare sulla piccola icona con triangolino in alto a destra indicata dalla feccia rossa e regolare il programma secondo le nostre preferenze agendo sulle varie voci di settaggio.
Per scaricarlo: GPRedict Download


CONFIGURAZIONE
Per prima cosa nella voce ”Ground Stations” cancelleremo quella di default (sample) per creare la nostra stazione di terra con i dati relativi alla nostra ubicazione, aggiornando la nostra posizione (cosa fondamentale se vogliamo intercettare dei satelliti).
Alla voce “List View” potrete scegliere i campi dati che vi interessano.
Per quanto riguarda l’interfacciamento con gli apparati radioamatoriali dovrete invece agire sulla voce “Interfaces” e settare a seconda dell’apparato che usate.
Il programma di default vi propone l’apertura del modulo”Amateur” ma voi potrete modificare o aggiungere nuovi moduli, ovvero gruppi di satelliti, aprendo la voce “Create a new module” e scegliendo dal menù proposto le categorie e i satelliti.
Naturalmente non esagerate nello scegliere tanti satelliti contemporaneamente perché troppi tracciati di orbite renderanno lento lento il vostro PC rendendo anche difficoltosa la lettura delle immagini.
Il vantaggio di questo programma è che una volta aggiornato il database come spiegato all’inizio, potrete anche disconnettervi da internet.


DATI DI OUTPUT
Otterremo una tabella con i gradi di azimuth per sapere con precisione tutti i passaggi del satellite.
Potremo anche sapere per quanto tempo sarà visibile.
Volendo l'app GQRX ci mostrerà lo spettro radio in tempo reale.
Per conoscere le frequenze andiamo su AmSat


EFFETTO DOPPLER
A causa di quest'effetto (per intenderci il suono del sirene sfrutta questo principio), la frequenza di trasmissione dei satelliti è in continuo cambiamento: man mano che si avvicinano le frequenze diventano più alte, quando si allontanano da noi diventano più basse.

Nessun commento:

Posta un commento