Visualizzazioni Totali

IL MIGLIOR BLOG TECNOLOGICO DEL WEB: PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI SULLE NOVITA' DEL BLOG DA OGGI CI TROVATE ANCHE SU FACEBOOK! (LINK A SINISTRA)

domenica 24 dicembre 2017

Il Bitcoin Cash Fa Crollare Il Mercato Delle Criptovalute

Appena supportati su Coinbase, importante servizio di cambio per criptomonete (oltre 13 milioni di utenti), il Bitcoin Cash (BCH) è stato subito estromesso dopo qualche ora.
Inizialmente, la società ha annunciato il supporto per le transazioni in BCH sia su GDAX (il servizio di cambio focalizzato su organizzazioni istituzionali) che su Coinbase.
L'entrata in gioco della nuova moneta ha provocato un piccolo terremoto nel già volatile mercato dei Bitcoin, con la criptomoneta che ha perso il 30% del valore in pochissimo tempo e si è poi stabilizzato sui 13.650 dollari.
Il Cash è subito schizzato a 8.500 dollari, un valore tre volte superiore al prezzo tenuto sugli altri servizi di cambio.
"Eccesso di volatilità", si è quindi giustificata Coinbase mettendo termine agli acquisti e alle vendite in BCH pochissimi minuti dopo la loro attivazione.
Coinbase dice di stare valutando la situazione per garantire condizioni di mercato meno volatili, con gli scambi in BCH apparentemente destinati a tornare "live" in modo permanente (ad oggi la valuta viaggia sui 3.000 dollari).
Stesso copione al CME, l'exchange di Chicago che domenica scorsa ha lanciato il suo primo future sul Bitcoin: sospesi gli scambi per eccesso di ribasso.
A dare il via alle vendite è stato in settimana proprio quanto si diceva prima: lo spostamento improvviso di denaro sul Bitcoin Cash.
Come si può immaginare, questa decisione ha fatto scattare un'ondata di vendite del Bitcoin per spostare fondi sul Cash, arrivato quasi a triplicare il valore in poche ore, come detto.
Insieme al Bitcoin tutte le altre maggiori criptovalute segnano in questi giorni flessioni marcate, generalmente superiori al 20%, con una capitalizzazione complessiva scivolata a 520 miliardi di dollari.
Stesso copione per i titoli azionari che avevano cavalcato l’onda dei Bitcoin: Long Blockchain, Overstock.com, Riot Blockchain e Marathon Patent Group hanno accusato flessioni comprese tra il 9 e il 23%.
Inoltre l'ondata crescente di vendite, tra prezzi in altalena, ho indotto Coinbase, la più popolare piattaforma USA per criptovalute, a sospendere del tutto il trading.
D'altra parte tutte le prime 20 valute per valore hanno messo a segno il loro rispettivo record negativo nel corso dell'ultima settimana.
Ethereum è crollato del 25% in 24 ore, il Cash del 32%, Monero ha perso il 20%, il Gold è passato dai quasi 500 dollari a 290, il Litecoin è sceso da 360 a 270 dollari.
Solo Ripple è in controtendenza, con un balzo del 9% dopo l'annuncio di un consorzio bancario giapponese di un progetto per un sistema di pagamento basato sulla blockchain di Ripple.
Ora in realtà c'è stata una diminuzione e la moneta è tornata a poco più di 1 dollaro.


PERCHE' LE VALUTE SONO CROLLATE?
Sicuramente il Cash accettato su Coinbase ha scombussolato un po' le carte provocando una serie di vendite e di scambi di Bitcoin ed altre valute.
Coinbase è stato sommerso dalle operazioni degli ultimi giorni, e tra giovedì e venerdì è finito due volte offline per problemi tecnici.
La stessa società ha aperto anche un’indagine per insider trading, cioè la compravendita di titoli da parte di persone interne alla società, che hanno a disposizione informazioni privilegiate.
CME e CBOE, due delle principali società che si occupano dello scambio dei titoli futures, hanno a loro volta sospeso temporaneamente le attività.
Forbes ha poi proposto un’altra spiegazione: l’avvicinarsi del Natale e delle feste ha probabilmente convinto molte persone che avevano guadagnato soldi investendo in Bitcoin a venderli, in cambio di normali valute, per sostenere le spese di questo periodo.
Questa vendita massiccia di Bitcoin potrebbe avere contribuito al calo della valuta.
C’è poi chi sta dicendo che il calo di venerdì è l’inizio dello scoppio della “bolla dei Bitcoin”, che viene annunciato da tempo e che finora era stato sempre smentito dai fatti.

4 commenti:

  1. Coinbase all'esplosione della bolla ha avviato di punto in bianco la contrattazione di BTCash e dopo 4 minuti l'ha fermata intorno ai 3500 euro perchè era aumentata di 1000 euro in 4 minuti (a 1 di notte italiana). Coinbase ha detto che sta indagando per insider trading i suoi dipendenti per possibile speculazione sul lancio dei BTCash, sicuri che molti dei nuovi utenti di Coinbase sarebbero stati spennati investendo in BTCash ad alto costo che poi sarebbero crollati. https://alla-ricerca-dei-soldi.blogspot.it/2017/12/bitcoin-day-after-tomorrow.html
    Ciò non toglie che ad ondate in determinate ore del giorno, non sempre c'è chi lancia delle offerte di vendita di Bitcoin a 350 euro (oggi: https://alla-ricerca-dei-soldi.blogspot.it/2017/12/prosegue-lattacco-al-sogno-dei-bitcoin.html). Quindi o sono gli hacker che hanno svuotato Youbit che si liberano del malloppo svendendolo (un fan della criptovaluta li venderebbe a 14 mila ed aspetterebbe di venderli se se ne volesse liberare col mercato a 16 mila), oppure sono gli exchanger stessi che stanno manipolando il mercato per cavalcare da 5000 euro a 50 mila previsti per l'anno prossimo, tagliando le gambe a tutti quegli investitori che avevano immesso meno di 1000 euro (non a caso coinbase ha bloccato anche il ritiro di somme inferiori a 1000 euro in questa settimana per qualche tempo), piuttosto che da 15 mila a 50 mila. E' infatti più semplice raddoppiare il valore dei ripple da 0.4 a 0.8 dollari di tasso di cambio che raddoppiare le somme investite con un bitcoin che dovrebbe quindi passare da 15 mila a 50 mila. Invece se crollasse a 5000 come predetto dal gestore del fondo Pantera...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente la situazione è davvero poco chiara, sicuramente dietro possono esserci tante ipotesi e congetture.
      Pare evidente però che qualcosa nell'immediato possa succedere.
      Anche perchè a breve dovrebbe esserci un nuovo fork.

      Elimina
  2. Bitcoin è diventato un nuovo modello di economia e inoltre sta sviluppando grandi basi nel mondo parallelo, evidentemente il mercato valutario virtuale proverà a competere con altre criptovalute per ridurre il boom di bitcoin, litecoin, ethereum, tra molte altre criptovalute che iniziano ad avere senso all'interno del mercato virtuale. Così come i broker, plus500, cmc, cryptomt4, che sono broker che hanno conquistato la stessa popolarità dello stesso bitcoin per le strutture di investimento che offrono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso anche io che il futuro monetario sarà sempre più "virtualizzato".

      Elimina