Visualizzazioni Totali

IL MIGLIOR BLOG TECNOLOGICO DEL WEB: PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI SULLE NOVITA' DEL BLOG DA OGGI CI TROVATE ANCHE SU FACEBOOK! (LINK A SINISTRA)

martedì 27 maggio 2014

Come Funzionano Gli Hashtag (Guida)

Gli Hashtag vennero introdotti a fine 2007 su Twitter, gli hashtag sono oggi un fenomeno della comunicazione social mondiale.
Nel giro di un paio d'anni, in concomitanza con la maggiore diffusione e utilizzo di Twitter tra gli internauti italiani, la parola hashtag è diventata sempre più utilizzata sia nella lingua parlata, ma soprattutto in ambito web e social network.
Resta il fatto, però, che per molti resta ancora un mistero cosa sia l'hashtag, cosa voglia significare e quali sono gli ambiti di utilizzo.
In questo articolo vedremo, appunto, come funzionano gli Hashtag.


DEFINIZIONE
Secondo la definizione data dal vocabolario Treccani, l'hashtag è la “parola o frase (composta da più parole scritte unite), preceduta dal simbolo cancelletto (#), che serve per etichettare e rintracciare soggetti di interesse”.
Hashtag letteralmente è composta dai termini hash(cancelletto) e tag(etichetta).


STORIA E FUNZIONALITA'
Il primo a proporlo fu il blogger e sviluppatore statunitense Chris Messina, ma passarono diversi mesi prima che la sua proposta venne accolta.
L'evento scatenante furono gli incendi che divamparono nei sobborghi di San Diego(California) nell'estate del 2007.
Gli utenti Twitter iniziarono a pubblicare tweet seguiti dall'hashtag #SanDiegoFire.
Questa pratica si diffuse così velocemente che il team di gestione della piattaforma di microblogging fu quasi costretta a introdurre ufficialmente questa funzionalità.
Passato attraverso vari stadi evolutivi, oggi l'hashtag serve per indicare un argomento o soggetti di interesse e trasforma ogni parola o gruppo di parole in collegamenti ipertestuali e parole chiave.
Ciò permette di organizzare i contenuti e monitorare gli argomenti di discussione proprio sulla base di queste parole chiave.
Così, se si vuole dire la propria sull'ultima partita giocata dalla propria squadra del cuore, ad esempio Manchester Utd-Liverpool basterà iniziare il proprio tweet con l'hashtag #UtdLiverpool e si entrerà a far parte della discussione sul web.
Gli altri utenti Twitter potranno leggere ciò che hai scritto e decidere se commentarlo o retwittarlo.


UTILIZZO DEGLI HASHTAG
Anche se non esistono delle “leggi” scritte, ci sono delle buone pratiche che permetteranno agli hashtag utilizzati di essere efficaci e, magari, virali.
Nell'utilizzo di questi strumenti comunicativi bisogna essere molto specifici.
Se si vuole utilizzare un hashtag per dire la propria su un argomento di pubblica rilevanza, bisogna che questo sia strettamente correlato all'argomento stesso.
Altra regola non scritta nell'utilizzo degli hashtag è di non complicarsi troppo la vita.
Non è buona norma inserire in un solo tweet (che, ricordiamolo, può essere lungo solo 140 caratteri) più di tre parole chiave precedute dal cancelletto.
Anzi, se ci si limita ad uno, massimo due, hashtag si otterrà il doppio risultato di essere chiari e allo stesso tempo specifici.
L'hashtag, infine, deve essere inserito in un contesto.
Gli altri utenti, infatti, troveranno inutile un cinguettio il cui contenuto si limiti solamente all'hashtag #odio (tanto per fare un esempio).
Sarà molto più utile ai fini dello scambio comunicativo che sia seguito (o preceduto) da una frase che ne chiarisca adeguatamente l'utilizzo.


CARATTERI
L'hashtag, come detto, è preceduto dal carattere #, un accorgimento tecnico che trasforma una semplice parola in un'etichetta per un intero concetto.
Dopo il cancelletto possono essere utilizzati tutti i caratteri alfanumerici.
Restano fuori dalla lista lo spazio, i segni di punteggiatura, il simbolo percentuale (%), asterisco e la chiocciolina (@).
Mentre quest'ultima serve per taggare altri utenti della piattaforma all'interno del proprio tweet, lo spazio di fatto interrompe l'hashtag.
Se si vuole creare un hashtag composto da più parole, è buona norma scrivere ogni parola con la lettera maiuscola, così da renderlo più facilmente leggibile.
Un esempio può essere #VivaLasVegas.


DOVE UTILIZZARLI?
Introdotto, come già detto, su Twitter nella seconda metà del 2007, l'hashtag è divenuto così utilizzato che anche le altre piattaforme social non hanno potuto fare a meno di introdurlo.
L'ultima in ordine di tempo è Facebook , che ha provveduto ad integrarli tra le funzioni della propria piattaforma nel giugno di quest'anno.
Anche se non è ancora molto utilizzato, gli hashtag aiutano a tenere traccia degli argomenti di discussione sul social network per eccellenza: cliccandoci sopra, si potranno visualizzare i post di altre persone (non necessariamente amici) che hanno utilizzato la stessa parola chiave.
L'hashtag è, invece, una vecchia conoscenza degli utenti Instagram.
Sulla piattaforma di condivisione fotografica, le parole chiave aiutano a delimitare l'ambito di interesse della foto (possono indicare, ad esempio, il luogo in cui è stata scattata o il soggetto fotografato), a conoscere nuove persone ed esplorare luoghi sconosciuti. Alcuni hashtag sono stati appositamente creati per i contest fotografici di Instagram.
Su Google Plus gli hashtag guideranno l'utente alla ricerca dei post relativi all'argomento di suo interesse. Non verranno mostrati solamente i post relativi all'hahstag utilizzato, ma anche termini affini.

Nessun commento:

Posta un commento