Visualizzazioni Totali

IL MIGLIOR BLOG TECNOLOGICO DEL WEB: PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI SULLE NOVITA' DEL BLOG DA OGGI CI TROVATE ANCHE SU FACEBOOK! (LINK A SINISTRA)

sabato 28 marzo 2020

Cosa Sono Gli Audio 8D? Differenze Con L'Audio 3D Binaurale

In questi giorni sul web e su WhatsApp stanno girando (come fenomeno virale) gli Audio 8D.
Ovviamente per apprezzare questa tecnologia, gli audio/canzoni vanno ascoltate in cuffia. In realtà non si tratta di una tecnologia recente ma già in voga da diversi decenni (le prime applicazioni negli anni 70 in Inghilterra). In poche parole le voci si muovono nello spazio sonoro passando dal canale di destra a quello di sinistra, come accade nelle registrazioni stereo ma la voce si materializza alle spalle di chi ascolta avvolgendolo a 360° (effetto circolare che inganna il cervello).
Questo formato dà l'impressione che la musica sia presente realmente nella stanza e che provenga da tutte le direzioni.
Qui potete trovare un veloce tutorial per realizzare l'effetto con Logic Pro.
Esistono anche convertitori online: 8DmusicConverter e Audioalter 8D Audio.


TECNICHE OLOFONICHE
Negli anni ’80 venne sviluppata un tecnica detta olofonica. Microfoni a più capsule orientati a 360 gradi, a cui vengono applicati filtri particolari, registrano l’audio in maniera sferica. Roger Waters ha utilizzato questa tecnica per gli effetti speciali dell’album dei Pink Floyd "The Final Cut" e di quello solista "The Pros And Cons Of Hitch Hiking" (anche in questo caso lo scopo è dare l’illusione che esista una terza dimensione dell’ascolto).


AUDIO 3D (REGISTRAZIONI BINAURALI)
Poi ci sono le registrazioni binaurali, che qualcuno chiama registrazioni in 3D. Il fine è quello di riprodurre la sensazione che ognuno di noi prova ascoltando musica in una stanza, le registrazioni avvengono tramite due microfoni orientati in direzioni divergenti inseriti all’interno della testa di un manichino. Con questa tecnica, usata dal produttore Tchad Blake (nell’album di Tony Levin, Steve Gorn e Jerry Marotta "From The Caves Of The Iron Mountain", registrato in una miniera abbondata sulle Catskill Mountains nel 1997).


AUDIO 8D
Al contrario delle registrazioni olofoniche e binaurali, l’audio 8D non deve il proprio effetto a come viene registrato il suono, ma a come viene modificato dopo la registrazione. Canzoni già esistenti vengono manipolate digitalmente per dare la sensazione che provengano da uno spazio ampio e che si muovano a 360 gradi.

Andrés Mayo (tecnico del suono): "La tecnica si basa su una manipolazione di fase che impedisce al cervello di identificare da dove viene il suono. Grazie al lavoro di mix che si realizza per generare l'8D, la mente umana entra in una specie di parco di divertimenti di suoni che vanno e vengono, e che regalano una sensazione di spazialità che approfondisce ancor di più quella vissuta con il suono stereo. In questo modo la musica (o almeno la sensazione che il suono genera) non rimane più circoscritta a due fonti sonore (lato destro e sinistro) bensì diventa uno spazio virtuale di forma sferica, dove si possono apprezzare stimoli che sembrano provenire da diversi angoli"

Sabino Cannone (ingegnere del suono e sound designer): "L’8D sintetizza l’ascolto binaurale aggiungendo una componente evocativa tramite l’uso correlato dei riverberi"

L’audio 8D ci fa sentire la musica tenendo conto dell’effetto che quando ascoltiamo una canzone dal nostro stereo o in concerto, la nostra testa interagisce con il suono, filtrandolo e attuando una certa resistenza (il suono che proviene dalla nostra sinistra, ad esempio, viene recepito in modo diverso dalle due orecchie. Quella di sinistra lo sente nella sua interezza. Quella di destra lo percepisce in modo differente a causa della maggiore distanza dalla fonte sonora).

"Questi fattori fisici sono stati sintetizzati in algoritmi che stanno alla base di software che replicano l’effetto della testa sulla percezione del suono. Cambiando i parametri, si otterrà l’impressione che in un dato momento la musica provenga da un punto preciso nello spazio 3D, ad esempio dietro di te, spostato sulla sinistra. Il riverbero serve a replicare la presenza di un ambiente d’ascolto, a dare la percezione che il suono si propaghi in uno spazio, che è poi una delle cose eccitanti quando si sente musica ad esempio in un teatro"

Queste tecnologie sono legate soprattutto a cinema, videogame, advertisement
Il tutto, come detto, si basa sul suono 3D (binaurale) più riverbero (suono 8D), infine si usano software di editor e mixer. I singoli file audio vengono poi uniti per renderli multitraccia. Con l’impiego del Dolby Atmos si integrano anche le informazioni sull’altezza per renderlo veramente un suono multidimensionale.
Per farsi un'idea di cosa si sta parlando basta prendere un paio di cuffie, andare su Youtube e ricercare audio 8D (e magari il nome della canzone preferita, non è detto che ci sia però).

giovedì 26 marzo 2020

Come Pagare Con Il Credito Telefonico (Google Pay)

I pagamenti tramite credito telefonico avvengono grazie a Google Play.
Come tutti saprete Google Play è una piattaforma di distribuzione di app, giochi, video e altri tipi di contenuti in formato mobile. In genere sono servizi gratuiti, se non dove segnalato.
Nel caso volessimo procedere all’acquisto su Google Play (o in un game eseguendo l'acquisto di contenuti), la strada tradizionale dell’e-commerce prevede l’immissione dei dati della nostra carta di credito nel database di Mountain View.
Tuttavia è possibile utilizzare anche il credito telefonico.
Quando si cerca di acquistare un contenuto mobile, tra i metodi di pagamento selezionabili (oltre alla carta di credito) è possibile scegliere fatturazione Tim (Vodafone o Wind), fornendo tutte le informazioni richieste (nome, cognome, indirizzo, città, CAP).
L'unica accortezza che dovete eseguire è quella di utilizzare la rete dati e non il Wi-Fi.
Il credito verrà scalato direttamente da quello telefonico.

domenica 22 marzo 2020

Cos'è DeFi? I Progetti Più Interessanti (Decentralized Finance)

DeFi (Decentralized Finance) è un insieme di strumenti finanziari che sfruttano reti decentralizzate senza aver bisogno di enti terzi.
Questa piattaforma sfrutta la blockchain e gli smart contract di Ethereum (troviamo anche il Lightning Network di Bitcoin).
Come detto una caratteristica fondamentale è l'utilizzo di reti decentralizzate ma anche di transazioni pubbliche, tracciabili, sicure, veloci e resistenti alla censura (non possono essere bloccate nè devono essere autorizzate).
Smart Contract, oltre all'immissione di nuovi token (che si appoggiano a Blockchain terze, senza avere una propria), consentono l’esecuzione automatica di vari processi (come ad esempio quelli che gestiscono i prestiti tra privati, in modo sicuro).
Un punto di riferimento per DeFi è DefiPulse (che ci indica quanti milioni di dollari di capitalizzazione sono stati bloccati come smart contract nella Decentralized Finance. In Dominance possiamo leggere il token dominante dei fondi bloccati, di solito MakerDAO, poi vedremo sotto di cosa si tratta)
Alcuni progetti gestiti dalla DeFi sono i derivati (titoli o contratti finanziari il cui prezzo è relazionato al valore di mercato di un bene), assets, stablecoin (cioè crypto non volatili e con valore di mercato più o meno costante) e sono nati concetti quali DAO (cioè l'organizzazione il cui potere esecutivo è fornito dagli smart contract, le cui regole sono codificate nella blockchain).
Alcuni progetti sviluppati sono:

1) Compound (una Cassa Depositi e Prestiti nella quale è possibile depositare somme ricevendo un interesse attivo e dalla quale si possono ottenere dei prestiti pagando un interesse passivo; ad esempio posso depositare Dai bloccandoli tramite smart contract e prestarli a chi ne fa richiesta)
2) Dydx (simile a Compound ma qui lo smart contract si appoggia ad un liquidity pool piuttosto che a prestiti peer to peer)
3) Dharma (smart wallet con chiave crittografica salvata direttamente sul dispositivo e non nel cloud; ciò garantisce il pieno controllo dei propri fondi)
4) Eidoo (wallet che supporta Bitcoin, Ethereum, Litecoin, ERC20. Permette scambi tra Ether, ERC20, la stablecoin Tether, etc essendo anche un exchange ibrido tra decentralizzazione e centralizzazione con alta sicurezza, basse fee e buone prestazioni)
5) Fulcrum (piattaforma che consente prestiti e margin trading consentendo operazioni trustless e permissionless, senza commissioni, accantonando il 10% degli interessi maturati per il mantenimento di un fondo assicurativo)
6) BlockFi (si tratta di un operatore che fornisce un conto deposito per Ether, Litecoin, BTC, USDC e GUSD; Crypto Loans: ossia la concessione di un prestito a fronte di un collaterale costituito in BTC, Ether o Litecoin; Trading: ossia la possibilità di convertire le monete di cui sopra in un’altra moneta selezionata)
7) Uniswap (exchange decentralizzato che funziona sulla blockchain di Ethereum e che permette di scambiare i token ERC20)
8) Betoken (edge fund decentralizzato costruito sempre sulla blockchain Ethereum e che investe in ERC20)

La scelta della blockchain di DeFi è ricaduta su Ethereum perché è una rete decentralizzata che offre la possibilità di utilizzare smart contract, ma anche perchè consente l’emissione di nuovi token nel formato ERC20 (investitori fanno crowdfunding o comunque un investimento mediante Initial Coin Offer, ottenendo in cambio il token appena creato).
La capitalizzazione di mercato di Ether (ETH) ha permesso alla DeFi di poter contare su un asset liquido e di valore.
La DeFi è dominata soprattutto da un singolo servizio, MakerDAO, che gestisce ETH e sorregge la stablecoin DAI (per approfondire su MakerDAO: Alla scoperta del token “raro” di Maker DAO).
In particolare il successo di MakerDAO (cripto volatile e rara) e quindi di DAI, mostra quanto gli utenti apprezzino il poter utilizzare una stablecoin decentralizzata.
Perchè MakerDAO è interessante? Noi potremmo bloccare in uno smart contract ad esempio 300 dollari Ethereum che andrebbero a fare da "garanzia" per un prestito in una struttura decentralizzata quale MakerDAO che a questo punto "produrrebbe" dei DAI protetti da nostri 300 dollari Ethereum.
Ogni DAI vale grossomodo 1 dollaro (è una stablecoin) ma ce ne servono 1,5 dollari per ottenerne 1 (quindi con 300 dollari bloccati, otterremo 200 dollari in DAI. Posso prendere in prestito 2/3 del collaterale).
Questi DAI potremmo utilizzarli per effettuare pagamenti.
Ma perchè non usare direttamente Ethereum? Be' perchè essendo una coin volatile magari voglio tenerla e non utilizzarla sperando cresca in futuro.
Ovviamente per avere indietro i miei 300 dollari bloccati in Ethereum (che nel frattempo sono rimasti costanti, aumentati o diminuiti di valore) devo coprire questa posizione di debito comprando il corrispettivo di stablecoin prestata (cioè 200 dollari). Grazie a ciò non ho speso un asset volatile ma mi sono affidato ad una stablecoin. Tuttavia se io non riesco a coprire il prestito, in causa di insolvenza, gli Ether bloccati passano ovviamente ai creditori (la regola del 150% o comunque dei 2/3 è stata messa proprio per questo motivo).

sabato 21 marzo 2020

Come Condividere I Tells Nelle Storie Di Instagram (Tellonym)

Del nuovo social del momento ne avevamo già parlato qui: Come Funziona Tellonym: Domande e Risposte Anonime
Una volta scaricata l'app Tellonym (Play Store) alcune funzioni interessanti sono quelle d'integrazione del proprio profilo, oltre che con i propri contatti, con Instagram.
Fatto l'accesso, basta schiacciare su "condividi il tuo profilo" (vi compare schiacciando in basso a destra sulla foto del vostro profilo).
Potrete condividere il vostro link su Instagram Bio, WhatsApp, in uno Snap, su Twitter Bio e dove preferite (ovviamente dovrete avere installate anche le app suddette).
In generale il link del vostro profilo può essere copiato anche manualmente e poi incollato dove preferite.


TELLS NELLE STORIE DI INSTAGRAM
Anche questa è un'operazione abbastanza semplice da effettuare, basta rispondere ad un tell.
Fatto ciò, sempre nella sezione dei vostri tells (in basso a destra schiacciate sulla vostra foto profilo), accanto alla risposta troverete 3 punti verticali.
Schiacciate su "Condividi" e si può scegliere:

1) Storia d'Instagram
2) Storia di Snapchat
3) Condividi (e troverete altre opzioni disponibili)
Anche in questo caso dovrete avere le 2 app installate (come si sa, Instagram può essere usato anche da PC).
Vi ricordo che i tells possono essere personalizzati anche aggiungendo foto (quando rispondete, a sinistra, trovate una macchina fotografica).

venerdì 20 marzo 2020

Il Coronavirus è Stato Creato In Laboratorio? Alcuni Vecchi Articoli

Si sta cercando di fare luce ormai da mesi (e da qualche settimana anche in Italia) su cosa possa aver generato questo tipo di Coronavirus che sta provocando migliaia di vittime tutti i giorni.
Sicuramente l'ipotesi naturale è quella più accreditata (animali: rettili? Pipistrelli? Ma più probabilmente mammiferi appunto che possono portare la malattia da animale a uomo) ma anche quella artificiale (armi biologiche): gli USA danno la colpa alla Cina e viceversa.
Non è nostro scopo entrare in spiegazioni tecniche/mediche (anche perchè non è il nostro campo) quanto sottolineare che nelle ultime ore si è fatto largo un interessante articolo datato settembre 2019 (quando l'epidemia non era ancora scoppiata in Cina).
In quei giorni (settembre 2019) ci sarebbe stato un'esercitazione militare proprio a Wuhan (la città che poi avrebbe dato il via al contagio). Le autorità chiesero all'esercito di organizzare delle operazioni di soccorso simulando un pericolo batteriologico. L'esercitazione fu programmata in vista dei Giochi delle Forze Armate cinesi in programma il mese successivo a Wuhan. Curiosamente il nemico da debellare fu chiamato "Coronavirus", definizione che, ricordiamolo, riguarda una grande quantità di virus conosciuti per causare diverse malattie.
Due mesi dopo a Wuhan ci fu il primo caso.

Qui troviamo un post in cinese del periodo che spiega il tutto: Xinhuanet
Qui uno screen di Hubei TV: Twimg

Da quanto si legge, il 18 settembre 2019 le autorità cinesi avrebbero organizzato anche un piano d'emergenza per l'aeroporto Tianhe di Wuhan nel caso si fosse riscontrato un passeggero infetto questo Virus. Ma come mai, tra tutte le possibile infezioni che possono colpire gli esseri umani, si scelse proprio il "Coronavirus"?
Ci sarebbe anche la mail spedita il 2 gennaio 2020 dall'Istituto di virologia di Wuhan al personale dei suoi dipartimenti.

"Il comitato sanitario nazionale richiede esplicitamente che tutti i dati sperimentali dei test, i risultati e le conclusioni relative a questo virus non siano pubblicati su mezzi di comunicazione autonomi, non devono essere divulgati ai media, compresi quelli ufficiali e le organizzazioni con cui collaborano. Si chiede di rispettare rigorosamente quanto richiesto"

I primi casi in Cina risalgono a fine 2019/gennaio 2020.
L’epidemia di Covid-19 ha portato al proliferare di voci mai confermate che, da un lato parlavano di una "fuga", per errore umano, del virus dal laboratorio virologico della città-epicentro, noto come Istituto di Virologia di Wuahn.
Pare che il Ministero degli Esteri di Pechino ha accusato apertamente gli americani di essere all’origine dell’epidemia. Zhao Lijian, portavoce del ministero e vicecapo del dipartimento informativo del medesimo, ha dichiarato pubblicamente su Twitter che "il virus potrebbe essere stato portato a Wuhan da un soldato americano durante i Giochi Militari".
Lo scienziato americano Robert Redfield sosteneva che alcune morti di polmonite verificatesi in America nelle settimane precedenti erano state a posteriori confermate esser dovute al Covid-19.
Le accuse circa un militare americano "untore" sono state sufficienti perchè il 13 marzo il Dipartimento di Stato USA convocasse l’ambasciatore cinese a Washington, Cui Tiankai.
Altre fonti del Dipartimento di Stato USA, rimaste anonime, hanno fatto sapere alla stampa che "la Cina sta cercando di deviare le critiche per aver dato origine a una pandemia non dicendolo al mondo".
In quell'articolo del 18 settembre 2019, appunto veniva citato "l’arrivo di un passeggero affetto da coronavirus".
Sempre riguardo la stessa esercitazione, Hubei TV: "Nel pomeriggio del 18 settembre le dogane del Wuhan Tianhe Airport hanno ricevuto un rapporto da una linea aerea secondo cui ‘un passeggero non si sentiva bene, avendo difficoltà a respirare, e i suoi parametri vitali erano instabili.
Immediatamente, le dogane dell’aeroporto hanno iniziato un piano di contenimento e hanno iniziato a trasferire il passeggero in ospedale. Due ore più tardi, il Centro Medico di Wuhan ha reso noto che al passeggero è stata clinicamente diagnosticata una infezione da Coronavirus”.
Il reportage citava anche un secondo tema di esercitazione "un eccesso di radiazioni" dovuto a un passeggero che tentava di trafugare un minerale dalla Birmania.
E’ legittima la domanda del perché i cinesi possano aver pensato al rischio di un Coronavirus proprio poche settimane prima dell’arrivo di militari stranieri, e nella fattispecie americani.
E' forse questo il motivo per cui il governo cinese ha inizialmente tenuto una condotta riservata sull’esplodere dell’epidemia?
Il primo contagiato a Wuhan ufficiosamente pare aver contratto il Virus per una non meglio precisata infezione con un pipistrello, verificatosi forse per via alimentare al mercato di Wuhan intorno al 17 novembre 2019.
La nuova specie di virus sarebbe stata isolata e classificata nei primi malati gravi di polmonite solo il 31 dicembre come SARS-CoV-2, poi sintetizzato in Covid-19.
Secondo la rivista "Qiushi", il presidente cinese Xi Jinping conosceva la gravità della situazione fin dal 7 gennaio 2020, quando nel corso di una riunione a porte chiuse del Politburo ordinò di fermare a ogni costo l’infezione.
Cioè 13 giorni prima che, il 20 gennaio, egli parlasse in pubblico del virus. Il 21 gennaio, le autorità cinesi ammettevano per la prima volta che era confermata la trasmissione da umano a umano del virus.
In quest'articolo invece vengono accusati gli USA: Further Evidence that the Virus Originated in the US

Il Coronavirus ormai si è diffuso in tutto il mondo: dagli USA alla Gran Bretagna, passando per Spagna e Francia.
Inizialmente il primo ministro inglese Boris Johnson aveva parlato di immunità di gregge come unico modo per sconfiggere il virus.
Si tratta di un meccanismo che permette alle persone non vaccinate di resistere al virus (questo, succede quando la maggior parte della popolazione è vaccinata: l'agente patogeno non trova più "vittime" da infettare, perché protette dai vaccini, e non attacca).

"Questo avviene grazie all'immunità di gregge per cui, se la % di individui vaccinati all'interno di una popolazione è elevata, si riduce la possibilità che le persone non vaccinate (o su cui la vaccinazione non è efficace) entrino in contatto con il virus e, di conseguenza, si riduce la trasmissione dell'agente infettivo"

L'idea era appunto quella di lasciare che la maggior parte della popolazione venga contagiata, così da proteggere la parte restante.
Secondo Sir Vallance, è possibile che la maggior parte delle persone contraggano solamente dei sintomi lievi se contagiate dal Covid-19. Considerando il dato del 60% della popolazione del Regno Unito, che conta 66,4 milioni di abitanti, significherebbe il contagio di circa 40 milioni di persone. Durante il picco dell'epidemia, le persone più fragili verrebbero isolate, per evitare l'infezione con sintomi gravi e, una volta accumulata immunità dal resto della popolazione, la diffusione del virus dovrebbe rallentare.
In poche parole si otterrà l’immunizzazione dei sopravvissuti dopo l’inevitabile sterminio dei più deboli. Il pregiudizio per cui David Ricardo, nei suoi Principi di economia politica, si scagliava contro ogni forma di assistenza sociale che a suo dire avrebbe trasformato "la ricchezza e la potenza in miseria e debolezza".
Qualche anno prima Benjamin Franklin dichiarava che meno si fa per i poveri "meglio riusciranno a cavarsela". Francis Galton proporrà addirittura la sterilizzazione dei "poveri inutili", colpevoli di infettare la razza inglese con i loro vizi e l’incapacità di inserirsi nel mondo del lavoro.


ALTRI ARTICOLI
Quale Sarà L'Effetto Del Coronavirus Sull'Economia e Criptovalute?  
Perchè Bitcoin è Crollato? Coronavirus? BitMEX? PlusToken?
Come Fare Video Lezioni In Streaming (Emergenza Coronavirus)
I Servizi Premium Offerti Gratis Su Solidarietà Digitale
Le App Cinesi Anti Coronavirus: Alipay Health Code e Close Contact Detector
Big Data e Tracciamenti Utili A Sconfiggere Il Coronavirus?

martedì 17 marzo 2020

Big Data e Tracciamenti Utili A Sconfiggere Il Coronavirus?

Oggi 17 marzo ci sono stati 2941 contagi che hanno portato il totale a 31506 con 2503 deceduti.
Il Coronavirus sta distruggendo anche l'economia (quella canonica) e in parte anche quella delle criptovalute.
Non parliamo poi dei sistemi scolastici ed universitari costretti a fare video lezioni in streaming.
C'è chi sta provando a risollevare le sorte degli italiani offrendo servizi premium... gratuitamente: Solidarietà Digitale.
Secondo alcuni il Coronavirus sarebbe stato creato in laboratorio.
In Cina il tutto era iniziato a gennaio 2020 ed oggi possiamo dire che sono (quasi) definitivamente fuori, grazie al pugno duro usato dallo stato ma anche a trovate geniali quali: Alipay Health Code e Close Contact Detector.
Vediamo come la tecnologia può venirci in aiuto.


BIG DATA DA FACEBOOK E TRACCIAMENTO DEGLI SPOSTAMENTI
La sconfitta e il monitoraggio del Coronavirus, come ha insegnato la Cina, passano anche dall'IA e dai Big Data.
Analisi grazie a dati anonimizzati forniti da Facebook e delle più grandi compagnie telefoniche italiane (Tim, Vodafone, Wind Tre e Fastweb) che aggregano gli spostamenti dei propri utenti per fare contact tracing, ossia rintracciare tutti i contatti di una persona contagiata o altre forme di monitoraggio.
Secondo Wired tra le prime ricerche che la task force prenderà in esame ce n’è una basata su dati di Facebook. Il social network ha passato informazioni anonimizzate all’università di Pavia, che ha elaborato alcune proiezioni.
Il tutto è avvenuto all’interno del programma Data For Good, sponsorizzato da Mark Zuckerberg.
Si tratta di data set utili alle università per studiare la diffusione del Coronavirus, che comprendono, dati sulla mobilità e mappe sulla densità della popolazione (simile alle app cinesi).
Sostanzialmente analizzando questi dati aggregati, anonimi e non identificabili di mobilità si può capire come una malattia potrebbe diffondersi. I dati aggregati sulla mobilità possono essere utili durante catastrofi naturali, per capire se le popolazioni stanno evacuando, oppure durante delle epidemie, dove possono rappresentare uno strumento utile per prevedere lo sviluppo della malattia stessa.
Si parla di mappe ad alta risoluzione della densità della popolazione, ottenute integrando statistiche dei censimenti e immagini satellitari, e i flussi di post pubblici sul Covid-19, diffusi su gruppi e pagine Facebook e da alcuni account di Instagram (CrowdTangle live).
A quanto risulta a Wired, questo dataset comprende anche informazioni sulle fughe di persone dal Nord a Sud avvenuti nella notte tra il 7 e  l’8 marzo.
Tuttavia se si usano i dati delle comunicazioni elettroniche, tracciando gli spostamenti di una persona, questi devono essere usati in forma anonima e aggregata, per produrre, per esempio, mappe aggregate sulla concentrazione degli smartphone, per misurare l’affollamento di focolai del contagio o individuare eventuali assembramenti.


IL MODELLO CINA
Il tracciamento dei contagi è un’arma utile per contenere il contagio, ma anche per fare prevenzione e impedire in futuro che il Coronavirus si diffonda di nuovo.
Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica The Lancet e basata sui dati dell'infezione avvenuta in Cina bastano quattro casi introdotti in una comunità per far aumentare del 50% le probabilità che l’infezione dilaghi di nuovo.
Grazie ad applicazioni che utilizzano i Big Data, il governo cinese ha intensificato il suo sofisticato e criticato sistema di sorveglianza, che vanta circa 200 milioni di telecamere di sicurezza installate in tutto il Paese. Oggi, lo stesso sistema viene utilizzato per far rispettare la quarantena ai pazienti infetti e per mappare i movimenti del virus.
Sono molto utilizzate anche telecamere intelligenti in grado di intercettare le persone che non indossano una mascherina, ma anche di effettuare una scansione termica in real time così da individuare eventuali casi di febbre.
La SenseTime, che ha sviluppato questi sistemi di rilevamento della temperatura "contactless", ha inoltre sviluppato una piattaforma in grado di riconoscere i volti, anche se i cittadini scansionati indossano le mascherine.
Alibaba (cioè il noto portale di eCommerce), invece, ha sviluppato un nuovo sistema di diagnosi del Covid-19 basato sull'intelligenza artificiale che permette di rilevare (tramite scansioni tomografiche computerizzate quindi con la TAC), nuovi casi di Coronavirus con un tasso di accuratezza fino al 96%. Il tutto in 20 secondi.
Secondo Global Times, le forze di polizia della città di Chengdu, utilizzano caschi intelligenti in grado di misurare la temperatura di chiunque, entro un raggio di 5 metri.
Dell'app Alipay Health Code (sviluppata dal colosso Alibaba) ne avevamo già parlato: si viene assegnato un colore (verde, giallo, rosso) che indica chi è ok, chi ha problemi di salute e chi deve rimanere a casa, in quarantena. L'app utilizza i big data in possesso alla Sanità cinese per identificare potenziali portatori di virus ed è stata adottata in oltre 200 città della Repubblica Popolare.
Tencent ha invece lanciato un'app "close contact detector" che avvisa gli utenti se entrano in contatto con un potenziale cittadino portatore di virus.
Il maggior operatore telefonico del Paese, China Mobile, ha condiviso con alcuni media i dati di spostamento dei suoi utenti affetti da virus: dal treno preso, fino alla metropolitana o vari negozi. E questo è servito a tracciare, in determinate città, le possibilità di contagio.
Ovviamente informazioni relative a spostamenti, contatti, frequentazioni aprirebbero scenari inquietanti riguardo la violazione della privacy (ora ma soprattutto in futuro).
Per quanto riguarda l'Italia e le nazioni europee, European Data Protection Board (EDPB), l’organismo che vigila sulla tutela delle informazioni nel vecchio continente, lo ha ribadito di recente: il regolamento generale europeo per la protezione dei dati ammette eccezioni in casi di gravi emergenze sanitarie, come questa pandemia.


RETI NEURALI
Ci sono poi altri strumenti basati su reti neurali, ossia su modelli matematici in grado di apprendere dai dati forniti. Sono algoritmi in grado di simulare le capacità cognitive umane nell'analizzare dati clinici e di giungere autonomamente a delle conclusioni senza ulteriori input umani.
Una seconda applicazione è legata ad algoritmi di "knowledge extraction", ovvero in grado di estrarre nuova conoscenza dai dati di cui già disponiamo. Questi algoritmi permettono di identificare nuovi segnali predittivi dell'insorgenza di alcune malattie o di individuare correlazioni non ancora note fra i risultati di diversi esami clinici prescritti.

lunedì 16 marzo 2020

Come Creare Un Blog/Sito Di Successo: Competitor, Keyword, SEO Tool

In questo articolo illustrerò alcune tecniche per migliorare il posizionamento del vostro sito sui motori di ricerca.
Alcune di queste tecniche sono trattate in modo più specifico nel libro di Aranzulla, chiamato Il metodo Aranzulla. Imparare a creare un business online, il noto blogger siciliano che è riuscito a sfondare nel mondo d'Internet senza ingenti investimenti grazie all'omonimo sito Aranzulla.it


AGGIUNGERE SITO AI MOTORI DI RICERCA E FEED
Per aggiungere un nuovo sito su Google, andate qui: Add Url (Google)
Per i feed, qui trovate una breve guida per blogger: Link Automatico Feed (Guida)


SITO SEMPRE RAGGIUNGIBILE
Per monitorare il vostro sito nel tempo, un'ottima soluzione è: Freshping.
Tra le tante funzioni, esso vi avviserà anche se il vostro sito finisce down.


COLLEGAMENTI ESTERNI ED INTERNI
Per collegamenti esterni ci si riferisce ad articoli simili che portano il visitatore al di fuori del vostro sito. Il classico "per saperne di più: link".
O collegamenti interni ergo nel vostro stesso sito (ovviamente gli argomenti devono essere collegati tra loro, non andrò a linkare una pagina musicale in un articolo inerente Android oppure un articolo di WhatsApp che mi rimanda a TOR o Freenet).


ELIMINAZIONE DI LINKS NON PIU' RAGGIUNGIBILI
I links interni ed esterni sono ancora importantissimi in ottica SEO e d'indicizzazione di contenuti perchè aumentano l'affidabilità del sito.
Giorno per giorno, questi links sono verificati dagli spider dei motori di ricerca.
Links non più raggiungibili vanno eliminati.
Per fare ciò possiamo servirci di: Screaming Frog SEO Spider oppure SEO Crawler.
In realtà avrete l'imbarazzo della scelta, potrete usare anche: SEO Power Suite, Xenu Link Sleuth, Seodity o Seomator.


QUALI ARTICOLI SCRIVERE?
Aranzulla in varie interviste (e nel suo libro chiamato "Il Metodo Aranzulla") parla di "metodo dei titoli".
Sostanzialmente di cosa si tratta? L'idea è quella di sfruttare l'autocomplete di Google.
Cioè quando cercate qualcosa, i motori di ricerca vi danno dei suggerimenti.
Provate a scrivere ad esempio "A che serve..." oppure "Come fare" e qualsiasi altra domanda che vi venga in testa.
Digitando "Deep Web" il motore di ricerca dà alcuni suggerimenti, ovviamente gli stessi cambiano a seconda delle lettere che scriviamo o della frase utilizzata (cioè se vado più nello specifico aggiungendo altre parole o lettere alla frase).
Come saprete, le prime domande suggerite sono quelle più ricercate dal popolo d'internet.
Se io so cosa il popolo d'internet cerca, allo stesso tempo avrò idee riguardo cosa scrivere e di cosa parlare.
Inoltre avrò la certezza di non scrivere un articolo "inutile".
Il problema poi semmai è sopravvivere tra altre migliaia di siti simili, magari meglio indicizzati dai vostri (quindi che avranno la precedenza nelle gerarchie di ricerca).


ANALISI DEL TRAFFICO
Un tool molto utile è Google Analytics che fornisce statistiche molto dettagliate sul vostro traffico quindi sui vostri visitatori.
In realtà anche piattaforme quali blogger/blogspot (se state usate i loro servizi ad esempio) hanno analizzatori di traffico interno ma sono meno precisi.
Per analisi del traffico ci si riferisce al vostro pubblico.
Da dove proviene? Quali sono le parole chiave che rimandano maggiormente al mio sito?
Quali sono gli articoli più letti? Insomma cosa vuole maggiormente il mio pubblico?
Tramite il sito Neilpatel non solo potrete scovare le ricerche più gettonate (keywords) inserendo lingua ed una parola guida ma anche conoscere il CPC ("Cost Per Click").
Il CPC c'indica quali argomenti sono "pagati" maggiormente per ogni click ricevuto: più alto è il valore e maggiore sarà il guadagno (se avrete ad esempio un'affiliazione con Google Adsense che paga per ogni click sul banner presente nei vostri articoli).
Un altro tool simile è: KeywordtoolKeywordSuggestmrxHypersuggestMoz o Google Trends.
Per query lunghe: Answer The Public.


COMPETITOR E PAROLE CHIAVE
Esistono degli indici chiamati KEI (Keyword Effectiveness Index) che sfruttano un approccio scientifico per la scelta delle parole chiave, in base ai vostri competitor.
La formula è la medesima:
Ovvero numero di ricerche effettuate nel tempo (mese, di solito) al quadrato, diviso i competitor (pagine presenti nella SERP inserendo una determinata parola chiave).
Chi ha un po' di esperienza con la pubblicità su Google sa che le chiavi di ricerca che convertono maggiormente non sono quasi mai chiavi generiche, bensì specifiche.

1) Chiave generica: smartphone iPhone
2) Chiave specifica di conversione: prezzo iPhone X

La prima chiave genera molte impressioni e traffico ma generalmente ha un tasso di conversione molto basso. La seconda chiave genera meno traffico ma ha un alto tasso di conversione.
Dunque maggiore sarà la concorrenza e meno efficacie sarà la parola chiave usata, invece l'efficienza aumenterà all'aumentare delle ricerche in presenza di un numero basso di siti simili al vostro che trattano lo stesso argomento (competitor).
Quali tool posso usare per sapere quante persone cercano una determinata parola chiave? SerpStatSemrushAhrefsSeozoomGoogle Ads
Dunque per calcolare il KEI, posso usare uno dei siti di sopra per scoprire quante ricerche mensili (in media) vengono effettuate digitando ad esempio 'prezzo iPhone X'.
Questo numero dovrò elevarlo al quadrato.
Per sapere i competitor SEO invece, tramite la funzione allintitle di Google (si tratta di un operatore logico), mi basterà scrivere allintitle:"prezzo iPhone X"
Ma cosa sto cercando con questa funzione? Semplicemente quante pagine hanno come Tag Title "prezzo iPhone X" su Google.
Qual è la situazione ideale? Trovare parole chiave con tante ricerche mensili e allo stesso tempo...pochi competitor SEO.
Dunque maggiore è il numero delle ricerche mensili di una data parola chiave e minore è la concorrenza SEO che sta scrivendo articoli su di ciò...e più alto sarà il KEI (in poche parole Google, quando verranno ricercate queste parole, dirotterà gran parte del traffico sul vostro sito).
Ovviamente va cercato il giusto compromesso perchè vi sarete sicuramente accorti che digitando iPhone (ricerca generica) le ricerche mensili saranno tantissime ma allo stesso modo i competitor: ciò si tradurrà in un KEI comunque altissimo ma poco fruttuoso (in quanto saranno milioni gli articoli simili al vostro).
Dunque bisogna trovare il giusto compromesso tra traffico mensile elevato per una data parola chiave, pochi competitor possibilmente e KEI elevato.
Il tutto, come detto, usando Tag Title abbastanza specifici ("Comprare Bitcoin" è ok) e non generici (ad esempio solo "Bitcoin" non va bene).
Va infine considerata anche la Keyword Difficulty, cosa indica questa metrica?
Quanto sia difficile per un sito posizionarsi nelle alte gerarchie di Google, a seconda della parola chiave scelta.
Per fare ciò usiamo: Semrush
Maggiore sarà il coefficiente e più difficile sarà per noi posizionarsi sui motori di ricerca per quella specifica ricerca (dunque keyword).
Un plugin gratuito (Chrome, Firefox, Opera) che dà una marea di info è Seoquake (metriche Google Index, Semrush, Alexa Ranking, Like su Facebook. Qui una guida: Seoquake Guida).
Ottima anche Seo Minion (per anteprima SERP, controllo di collegamenti interrotti, controllo Tag Hreflang per i siti multilingua).
Irrinunciabile anche Rankaware (per monitorare keyword quindi il ranking delle parole chiave su SERP Google, Yahoo, Bing. Ricorda di immettere una parola chiave per riga).


BANNER ED IMMAGINI
Oltre al posizionamento (fondamentale) dei banner pubblicitari (io consiglio uno sicuramente a sinistra di ogni pagina, visto che s'inizia a leggere da sinistra versa destra ed uno al centro. Occhio a non metterne troppi: pochi ma buoni), consiglio anche di non usare troppe immagini negli articoli (perchè distolgono l'attenzione dai banner. Una è più che sufficiente, a meno che non dovete fare un tutorial spiegato passo passo).
L'immagine prima di caricarla potete rinominarla utilizzato qualche parola chiave (sarà meglio indicizzata su "Google Immagini").
L'altra cosa da tenere bene a mente è la dimensione dei banner pubblicitari (vanno fatti diversi tentativi) e il colore utilizzato (dei banner o dello sfondo).
Evitate banner troppo invasivi (pop-up per essere più precisi): oltre ad essere fastidiosi per chi naviga, provocano anche rallentamenti.

Per approfondire alcune di queste tecniche senza perdervi in tecnicismi di troppo, vi consiglio: 

domenica 15 marzo 2020

Quali Sono I Social Più Utilizzati In Italia?

Secondo un'indagine di Sensemakers, in Italia, è WhatsApp l'app più utilizzata.
Con 31.3 milioni di visitatori raggiunti a fine 2019, con una crescita del 5% rispetto all’anno precedente, la  piattaforma di messaggistica supera sia YouTube, fermo a 27.1 milioni di visitatori unici, che Facebook, che ha registrato nello stesso mese 23.4 milioni di visitatori.
In grande crescita Telegram (aumento del 68% rispetto al 2018), con 8.2 milioni di utenti unici.
Il quinto gradino della classifica è riservato a TikTok (social dei video), che ha raggiunto 6.4 milioni di visitatori, registrando un +144%.
Hanno guadagnato terreno in termini di visitatori anche Pinterest e LinkedIn, in calo Snapchat, in risalita Twitter (ma lontana dalle prime posizioni).

1) WhatsApp
2) YouTube
3) Facebook
4) Telegram
5) TikTok

La graduatoria cambia se si tiene in considerazione il tempo di utilizzo di ogni app. In questo caso il primo posto del podio spetta a Facebook che sino a fine 2019 aveva registrato una media di 11 ore di fruizione per utente, con un +8%, seguita da Twitch.
L’app che ha registrato una maggiore crescita è ancora TikTok, sempre più in difficoltà Snapchat (circa mezz'ora per utente).

Se si considerano solo gli utenti tra 18 e i 24 anni domina sempre WhatsApp, seguita da YouTube.
Il terzo posto è riservato a Instagram, che supera Facebook e Messenger.
In grande crescita Telegram e TikTok.
In termini di tempo di utilizzo, invece, rispetto allo scorso anno, hanno registrato una crescita WhatsApp, YouTube, Instagram e soprattutto TikTok.

Un social in grande crescita e che, oltre a TikTok, inizierà a spopolare prossimamente è Tellonym
Tellonym è un'app di domande e risposte simile ad Ask.fm (vi ricordo che facendo la richiesta del badge Vip è possibile guadagnare monete invitando i propri amici e scambiarle con buoni Amazon. Per iscriverti: Ask.fm Iscrizione).
Vorrei sottolineare che anche TikTok permette di guadagnare soldi (scambiabili con Paypal), semplicemente invitando i propri amici: Come Guadagnare Con TikTok: Il Social Dei Video


sabato 14 marzo 2020

Perchè Bitcoin è Crollato? Coronavirus? BitMEX? PlusToken?

Sono settimane difficili sia a livello sanitario (Coronavirus) che di criptovalute. Non volendo comunque sottovalutare la pandemia a livello mondiale, noi comunque ci soffermeremo ovviamente sulle cripto e sul crollo che ha portato Bitcoin (e tutte le altre) in una netta fase di dump.
Tra il 12 e il 13 marzo 2020 Bitcoin è sceso a circa 3700 dollari, scatenando il panico in tutti gli investitori generando vendite su vendite.
Ma cosa ha generato questo tracollo?
Sicuramente si è trattata di una reazione a catena generata da diversi fattori.
La crisi a livello economico (che vivremo anche nei prossimi mesi) con seguente crollo di borse ed azioni quindi il bisogno di liquidità può aver influito ma sono state ventilate anche altre ipotesi.


BITMEX
Sotto i riflettori il controverso exchange di criptovalute BitMEX che nelle ore di massimo ribasso ha crashato andando temporaneamente offline con il loro liquidation engine (algoritmo che liquida le posizioni) che è andato in fase di stallo.
L'altro motivo riguarda le liquidazioni che ad un certo punto avrebbero superato le liquidità disponibili sull'order book provocando il crollo.
Bitmex poi è andato in manutenzione, forse volontariamente (altrimenti il Bitcoin sarebbe potuto scendere a 0).
Su Twitter, BitMEX ha svelato che i servizi erano stati disabilitati per circa 25 minuti a causa di un problema tecnico, risolto alle 3:00 UTC:

"Tra le 2:16 e le 2:40 UTC del 13 marzo 2020 siamo venuti a conoscenza di un problema hardware con il nostro fornitore di servizi cloud, causando dei ritardi nelle richieste su sito"
Alcuni membri della comunità hanno avanzato l'ipotesi che l'exchange inizialmente abbia personalmente contribuito al crollo della coppia BTC/USD.
Quando infatti la piattaforma è andata offline, il prezzo di Bitcoin si è ripreso:

"BTC si è ripreso senza il gigantesco muro di vendite su BitMEX"

E, cosa ancora più importante, il prezzo di BTC è cresciuto e quindi meno persone hanno dovuto liquidare i propri asset.
BitMEX ha risposto a tali accuse definendole "teorie complottiste":
Poche ore fa, la piattaforma è finita nuovamente offline a seguito di 2 attacchi DDoS quindi l'exchange è sotto attacco e non è possibile comprare/vendere asset.


PLUSTOKEN
Altri sostengono che la reale causa sia stata la costante vendita da parte degli organizzatori della truffa PlusToken.
In questi giorni difficili di crisi economica probabilmente gli investitori dovevano riprendere in mano i propri fondi e in fretta, quindi avevano l'esigenza di vendere.
Il 9 marzo, il Dow Jones Industrial Average (DOW) è crollato di oltre 2.000 punti. Pessime anche le prestazioni del petrolio, il cui valore nella medesima data è diminuito di oltre il 20%. Analogamente negativi i movimenti di Bitcoin, che dai 10.000$ del 24 febbraio è scivolato fino ai 7.600$ del 9 marzo e a 3.700$ del 12 marzo.
Nel giugno dello scorso anno, alcuni degli operatori dello schema Ponzi PlusToken (2.9 miliardi di dollari) sono stati arrestati. Da allora gli analisti del settore delle criptovalute hanno seguito molto attentamente tutti i movimenti dei wallet associati alla truffa, ipotizzando che i criminali stessero regolarmente vendendo i Bitcoin ottenuti tramite l'operazione e causando in questo modo ribassi significativi.
Un ricercatore che tiene traccia delle attività di PlusToken, aveva segnalato che i criminali hanno recentemente liquidato 13.000 BTC: il prezzo della criptovaluta è rapidamente crollato nei giorni successivi.
Secondo l'analista Kevin Svenson:

"Stanno inondando i mercati di sell order. Sostanzialmente c'è una gigantesca whale che vende non appena il prezzo aumenta"
Potrebbe essere questo il momento in cui hanno finalmente deciso di liquidare quei fondi, spostare parte di quel denaro, riciclarlo e infine uscire con dei contanti in mano.
Sino al 9 marzo erano stati venduti circa 13.000 BTC, equivalenti a 210 milioni di dollari.
Per rendere più difficile il rintracciamento dei fondi rubati, i criminali utilizzano servizi di mixing. Sono stati identificati due wallet che hanno improvvisamente liquidato ingenti quantità di BTC.
Il grosso problema è che in giro ci sarebbero 61.229 BTC (369 milioni di USD) non distribuiti che potrebbero far crollare il mercato.
Sei persone collegate alla truffa PlusToken sono state arrestate lo scorso giugno, ma i fondi rubati sono ancora trasferiti da un wallet all'altro e vengono incassati da broker indipendenti che, a quanto si dice, operano principalmente su Huobi.



ALTRI ARTICOLI
Quale Sarà L'Effetto Del Coronavirus Sull'Economia e Criptovalute?  
Come Fare Video Lezioni In Streaming (Emergenza Coronavirus)
I Servizi Premium Offerti Gratis Su Solidarietà Digitale
Le App Cinesi Anti Coronavirus: Alipay Health Code e Close Contact Detector
Big Data e Tracciamenti Utili A Sconfiggere Il Coronavirus?

venerdì 13 marzo 2020

SETI Chiude @Home: 21 Anni Di Ricerca Di Segnali Alieni

Nel maggio del 1999, il centro di ricerca SETI di Berkeley lanciò un software di calcolo distribuito (Proof Of Research) che avrebbe aperto a tutti la ricerca di intelligenza extra-terrestre (SETI).
Dopo 20 anni SETI ha deciso di interrompere le attività. Il motivo è che la rete del programma è diventata troppo grande da gestire e gli scienziati hanno bisogno di tempo per elaborare i dati ottenuti sin ora.
L'idea fu di David Gedye: ovvero fare affidamento su un gran numero di computer connessi a Internet per scansionare lo spazio.
Il programma venne chiamato SETI @ home ed utilizzava radiotelescopi per captare segnali radio a larghezza di banda ridotta dallo spazio. Sono stati registrati una grossa mole di dati visto che le trasmissioni radio naturali sono molto comuni nell'Universo e le attività umane (da radar, satelliti e comunicazioni moderne) producono una notevole quantità di interferenze che devono essere filtrate.
Per elaborare i volumi di dati radio raccolti, i precedenti progetti SETI si basavano su supercomputer speciali che si trovavano sul terreno della struttura. Al contrario, SETI @ home si affidava a Berkeley Open Infrastructure For Network Computing (BOINC), una piattaforma open source che consente ai volontari di contribuire con le proprie risorse hardware non utilizzate (per saperne di più: BOINC, Il Gridcoin e I Software Di Calcolo Distribuito (Proof Of Research)).
Questo "supercomputer virtuale" ordinava i dati radio raccolti dal radiotelescopio Arecibo e dal Green Bank Telescope . Per ridurre al minimo l'impatto, SETI @ home utilizzava la potenza dei cicli di elaborazione non utilizzati per cercare possibili segnali di trasmissioni radio extra-terrestri.
SETI @ home divenne la terza più grande rete informatica distribuita dedicata agli studi astrofisici, dietro MilkyWay @ home ed Einstein @ home .
Il primo si affida a servizi di informatica volontaria per aiutare a creare un modello 3D accurato della Via Lattea, utilizzando i dati dello Sloan Digital Sky Survey (SDSS). Il secondo studia, tra le altre cose, le onde gravitazionali LIGO, dal radiotelescopio Arecibo e dal satellite a raggi gamma Fermi per la ricerca di quasar.
Finora il programma non ha rivelato prove concrete di alieni, ma la sua crescita è stata a dir poco impressionante. La quantità di dati raccolti ha eoni di tempo di elaborazione. Infatti, al suo apice, SETI @ home si è registrato come uno dei supercomputer più potenti del pianeta.
L'analisi di tutti questi dati verrà effettuata utilizzando Nebula, la pipeline software utilizzata da SETI @ home e sviluppata dal gruppo SETI di Berkeley.
Altri progetti sono Asteroids @ home, Cosmology @ home e LHC @ home. Questi programmi localizzano asteroidi vicino alla terra (NEA), testano modelli cosmologici e fanno avanzare la fisica delle particelle.

SETI: "Il sito Web e le bacheche continueranno a funzionare. Speriamo che altri astronomi UC Berkeley possano trovare altri usi per le enormi capacità di calcolo di SETI @ home, tipo per la ricerca Pulsar. In tal caso, SETI @ home ricomincerà a funzionare. Vi terremo informati su questo"

Non vediamo l'ora di vedere i risultati dell'analisi, che sarà pubblicata in una serie di articoli nel prossimo futuro. Inoltre, Breakthrough Listen (che include scienziati del SETI Research Center di UC Berkeley ) ha recentemente reso disponibili al pubblico i quasi 2 Petabyte di Dati che hanno accumulato negli ultimi quattro anni. Quindi, se stai cercando alcuni dati SETI, dai un'occhiata all'archivio di Breakthrough Initiatives: OpenDataSearch


ALTRI ARTICOLI
Come Funzione SETI@HOME
Come Ricercare Segnali Alieni (Software SETI)
Segnali Radio da SETI