Visualizzazioni Totali

IL MIGLIOR BLOG TECNOLOGICO DEL WEB: PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI SULLE NOVITA' DEL BLOG DA OGGI CI TROVATE ANCHE SU FACEBOOK! (LINK A SINISTRA)

martedì 6 dicembre 2016

UFO, Hangar ed Alieni Su Google Map e Google Earth?

Da sempre i satelliti di Google Earth e Google Map sono fonti di fotografie ed evidenze misteriose: basti ricordare la strana piramide fotografata nell'oceano Pacifico nel 2015, le presunti basi alieni su Marte, resti alieni sulla Luna o strani avvistamenti nell'Area 51.
L’alone di segretezza che circonda l'Area 51, struttura militare americana, è da sempre fonte di cospirazioni su UFO ed extraterrestri più o meno dall'epoca dell'incidente di Roswell.
Qualche mese fa ha fatto notizia un presunto caso di UFO nell’Area 51, scoperto con alcune vecchie immagini di Google Maps.
Secondo Scott Waring dell’ UFOSightingsDaily, l’immagine mostra un hangar che è stato appositamente costruito intorno ad un’astronave aliena, dopo aver scoperto nel 2010 che c’era qualcosa di strano in corso al sito.
Waring ha effettivamente notato alcuni cambiamenti significativi nell’Area 51 (rispetto ad immagini di 6 anni fa), che secondo lui sarebbero riconducibili ad un oggetto anomalo.
Questo sito è conosciuto come Area S4, una zona che nasconderebbe più di un veicolo extraterrestre.
Warning ha esaminato tramite Google Maps i “lavori in corso” per la costruzione dell’hangar nell’Area S4 dal 2010.
Secondo Waring, questa zona è una delle quali in cui il governo sta conducendo esperimenti alieni.
La regione circolare dell’hangar coinciderebbe con la forma di un disco volante.
Waring sostiene che i quattro edifici adiacenti hanno presumibilmente lo scopo di raffreddare tutto ciò che si trova all’interno dell’edificio principale.
C’è anche una pista di atterraggio nelle vicinanze ed alcune torri radar.
“Si può vedere un piccolo oggetto circolare proprio qui, sembra ci sia parcheggiato il Millennium Falcon”

Il nuovo caso è solo uno dei tantissimi casi analizzati dai cacciatori UFO, ai quali nel corso degli anni si sono affiancati anche nomi importanti di scienziati o ex militari a conoscenza di segreti “alieni” nell’Area 51.
Un esempio di qualche anno fa è la confessione di Boyd Bushman, lo scienziato che lavorò per anni nel misterioso sito militare e che poco prima di morire svelò in video alcuni inquietanti segreti sull’Area 51.
Nel suddetto video registrato prima di morire, lo scienziato svelò la sua verità sui progetti top secret del governo statunitense e la sua alta conoscenza del programma UFO del governo degli Stati Uniti.
Secondo alcuni rapporti, il suo nome è anche accreditato nello sviluppo del Stinger, il missile terra-aria che ha giocato un ruolo chiave in numerosi conflitti negli ultimi tre decenni.
Nel video, Bushman racconta agli spettatori quello che succede dietro le porte chiuse dell’Area 51, la base militare nel deserto del Nevada.
Durante l’intervista, Bushman mostra le foto di quelli che sostiene essere alieni, che, racconta, hanno contribuito a sviluppare tecnologia volante per una grande impresa di difesa.
In estrema sintesi, gli alieni dell’Area 51 proverrebbero da un pianeta conosciuto come Quintumnia, ma la loro tecnologia permette di raggiungere la Terra in un tempo relativamente veloce, circa 45 anni viaggio.
Le astronavi UFO sono a forma di piattino per 12 metri di larghezza.
Nel video, Bushman parla della nave madre UFO che invia gli UFO più piccoli.
Questi viaggiano silenziosamente, con una luce brillante, hanno pareti trasparenti, e sfidano la gravità.
Fondata nel 1955 come banco di prova per quello che allora era il più gelosamente custodito progetto segreto degli Stati Uniti, l’aereo spia U2, la cosiddetta Area 51 è diventata allo stesso tempo la più segreta e anche la più conosciuta struttura militare di ricerca.
La base è chiamata National Classified Test Facility.
A causa dell’ estrema segretezza che avvolge i progetti tecnologici “oscuri” sviluppati e testati presso l’Area 51, la base è stata a lungo oggetto di teorie del complotto, in particolare le quelle sugli UFO.

Nessun commento:

Posta un commento