Visualizzazioni Totali

IL MIGLIOR BLOG TECNOLOGICO DEL WEB: PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI SULLE NOVITA' DEL BLOG DA OGGI CI TROVATE ANCHE SU FACEBOOK! (LINK A SINISTRA)

lunedì 15 giugno 2015

Cosa Sono I Jammer e Come Funzionano

I Jammer sono dei particolari strumenti che svolgono la funzione di emettere onde radio sincronizzate ad una determinata frequenza, al fine d'impedire il funzionamento di un dato dispositivo(che funziona su quelle stesse frequenze).
Vengono utilizzati non solo per impedire il funzionamento di cellulari ma anche di registrazioni, sistemi GPS e quant'altro.
Va sottolineato che non esiste uno Jammer per "antonomasia" ma ognuno svolge un dato compito e lavora su determinate frequenze.
Le leggi italiane e di molti paesi europei ne consentono l’uso solo alle Forze dell’Ordine o esclusivamente per scopi militari.
Diverse sono infatti le norme italiane e dell'Unione Europea che ne vietano l'utilizzo a fini privati.
Inutile pensare di poter interrompere il conversatore molesto, al ristorante o in metro: per adesso, interrompere una conversazione telefonica è reato.
I Jammer, anche prescindendo dagli aspetti legali, hanno delle controindicazioni rispetto al loro uso.
Si tratta di sistemi che emettono microonde le quali tendono a riscaldare l'acqua anche nei tessuti biologici.
Se le potenze impegnate superano i valori limite consentiti dalle normative relative, rappresentano un rischio per la salute.
Per esempio, le forze dell'ordine tendono ad attivare i loro Jammer ad alta potenza attraverso l'uso di appositi telecomandi e a distanza.


PERCHE' SONO STATI CREATI?
I Jammer, sono stati originariamente progettati per le Forze dell'Ordine in quanto l’interruzione delle comunicazioni in un largo raggio costituiva una valida protezione da criminali e terroristi.
Alcuni per esempio sono stati anche destinati ad inibire l'uso di detonatori per esplosivi a distanza.
Situazione tipica è l'interruzione delle comunicazioni subito prima di un'azione di polizia, in modo da impedire ai sospetti di avvertirsi dell'imminente pericolo.
Nel caso di bombe azionate via cellulare, poi, l'utilizzo di un Jammer può rivelarsi determinante al fine di prevenire l'innesco.
Molto comune è altresì l'utilizzo di questi apparecchi nelle indagini di polizia su strumenti elettronici: l'utilizzo del Jammer impedisce al cellulare di comunicare con l'esterno mentre viene analizzato.
Come detto, i Jammer bloccano l’uso dei cellulari inviando onde radio di disturbo sulla stessa frequenza che usano i telefonini.
Ciò causa un'interferenza che inibisce la comunicazione tra cellulari e torri-ripetitori, paralizzando ogni attività telefonica nel suo raggio d’azione.
Sulla maggior parte dei cellulari ciò che appare durante tale disturbo è semplicemente un segnale di assenza di rete.
Il Jammer TRJ-89 è in grado di bloccare le comunicazioni cellulari per un raggio di circa 8 km.
In realtà c’è bisogno di meno energia per disturbare il segnale di una stazione base (ripetitore) rispetto a quello di un cellulare, proprio perché il segnale della torre è un segnale indebolito dalla distanza stessa che deve coprire per giungere al telefono e quindi di conseguenza è facilmente oscurabile.
I modelli più nuovi come il Jammer a doppia e tripla banda sono in grado di bloccare tutti i sistemi usati e sono anche molto efficaci contro le più recenti tecnologie di telefonia a più frequenze (Dual Band e Tri Band) e i sistemi che interagiscono con essi.
Poiché la tecnologia di rete fissa e le frequenze utilizzate per la telefonia mobile variano in tutto il mondo, alcuni Jammer funzionano solo in determinate regioni come l'Europa o Nord America.
Una grande preoccupazione è stata quella che riguarda la possibile interferenza e disturbo che i Jammer possono avere su dispositivi medici quali i pacemaker per esempio potendone potenzialmente interromperne il funzionamento.


COM'E FATTO?
Come detto emettono onde elettromagnetiche.
I Jammer meno complessi sono composti da pochi, semplici elementi: un'antenna, qualche circuito elettronico (che si occupa di generare il segnale di disturbo e di regolarne la frequenza) e una batteria.
Esteriormente possono apparire in varie forme e non è raro trovare apparecchi camuffati da oggetti comuni, quali pacchetti di sigarette o quant'altro (Jammer Occultati).


TIPI DI JAMMER
La potenza dei Jammer si misura in Watt, quindi più Watt ha un Jammer più la distanza e il raggio d'azione aumenteranno.
Duole comunque ricordare che a seconda di dove viene posizionato il Jammer potrete sfruttare al meglio o meno il dispositivo.
Inoltre il surriscaldamento implica una diminuzione nelle prestazioni, oltre ad essere pericoloso per i componenti interni del Jammer stesso(molti Jammer sono equipaggiati con ventole all'interno per evitare malfunzionamenti o la distruzione dei circuiti all'interno).
Per inibire un'area a 360°, è necessario che il Jammer abbia antenne omnidirezionali.
Se il punto è di fronte a voi, antenne direzionali(tutta la potenza verrà indirizzata sul punto d'interesse).
C'è da sottolineare anche che, più il segnale è forte, più il raggio d'azione diminuisce.
Tra i Jammer più completi troviamo i Jammer Bomb utilizzati in primis dai governi.
Sono dispositivi molto ingombranti che coprono più o meno tutte le frequenze e costano una manciata di migliaia di euro.
Un altro Jammer è il generatore di rumore bianco utilizzato per impedire la registrazione o l'ascolto di conversazioni sensibili e di una certa importanza.
Grazie al suo continuo fruscio, trasmesso in tutte le frequenze vocali e non, è impossibile effettuare una registrazione limpida della conversazione.
Il rilevatore di campo magnetico invece riesce ad individuare qualsiasi telefono cellulare (anche senza batteria), registratori, laptop, videocamere etc. posti anche dentro valigette, zaini, scatole,etc. o occultati dietro superfici metalliche, lastre di legno, di plastica, cartongesso, cemento etc.
A differenza dei metal detector, non rileva i metalli, ma bensì il campo magnetico generato dall'altoparlante.


FREQUENZE
140-180MHz: VHF
400-480MHz: UHF
700MHZ: 4G LTE
850-950MHz: GSM
1575.42MHz GPS L1
1227.60MHz: GPS L2
1381.05MHz: GPS L3
1379.913MHz: GPS L4
1176.45MHz: GPS L5
1800-1900MHz: GSM DUAL BAND
2100-2170MHz: UMTS - 3G
2400-2500MHz: WiFi e Bluetooth
2600MHz: 4G LTE
5100-5500-5900MHz: Frequenze radio alte

Le frequenze VHF e UHF vengono utilizzate dai seguenti dispositivi: Microspie, localizzatori LoJack, radiocomandi, antenne dei televisori etc.
Le frequenze GSM, GSM DUAL BAND, UMTS, 3G, 4G LTE vengono utilizzati dai: Cellulari, microspie, combinatori telefonici d'allarme, microcamere, telecamere, localizzatori GPS etc.
Le frequenze GPS L1, L2, L3, L4, L5 vengono utilizzate dai: Localizzatori GPS, navigatori satellitari, smartphone con GPS integrato etc.
Le frequenze WiFi e Bluetooh vengono utilizzati dai: Router WiFi, smartphone, auricolari, laptop etc
Le frequenze radio alte, le 5.1GHZ - 5.5GHz - 5.9GHz vengono utilizzate dai: microspie, radiocomandi, sistemi d'allarme di videosorveglianza etc.


ANTI-JAMMER
In ambito tecnologico una contromisura a questi pericolosi dispositivi(utilizzati anche per svuotare slot machine, erogatori di monete o bibite) sono gli Anti-Jammer che sono, a tutti gli effetti, rilevatori di disturbi di frequenze.
Spesso lavorano al fianco dell'Antifurto Satellitare.
Gli Anti-Jammer nel momento in cui rilevano, nell’ambiente circostante, per più di un numero prestabilito di secondi, delle “emissioni elettromagnetiche” di un Jammer, il cui spettro è compreso nel range di frequenza delle onde radio GSM, trasmette un input di allarme.
Se tale input è collegato ad una centralina satellitare essa gestisce tale segnalazione come si è in precedenza prestabilito, bloccando per esempio il veicolo che è completamente isolato dalle comunicazioni ed impossibilitato quindi a collegarsi via GSM con la centrale.
Le sue ridottissime dimensioni inoltre ne permettono un libero e agevole occultamento.

Nessun commento:

Posta un commento