Visualizzazioni Totali

IL MIGLIOR BLOG TECNOLOGICO DEL WEB: PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI SULLE NOVITA' DEL BLOG DA OGGI CI TROVATE ANCHE SU FACEBOOK! (LINK A SINISTRA)

domenica 26 marzo 2017

Come Rendere I Bitcoin Non Tracciabili

Già negli anni 90, i cartelli colombiani avendo l'esigenza di raccogliere denaro in giro per il mondo, erano costretti ad affidarsi ai cosiddetti "broker".
Si tratta sostanzialmente di creare una grossa rete di comunicazione, di inviare soldi ai broker che a loro volta li girano in banche non ufficiali (gestite direttamente dai cartelli colombiani).
La comunicazione telematica avveniva/avviene tramite telecomunicazioni criptate.
Prima dei sistemi elettronici venivano utilizzate tecniche "fisiche" trasportando il denaro in paesi con normative bancarie più blande o corrompendo gli ispettori alla dogana.
Tutto ciò serviva/serve per simulare un origine "lecita" del danaro, per poi riversarlo in attività lecite.
Essenzialmente i metodi di ripulitura del denaro virtuale (Bitcoin) si basano su tecniche diverse ma grossomodo il fine è lo stesso.


SERVIZI PER RENDERE NON TRACCIABILI I BITCOIN
-Mixing Service (Tumbler): cioè si tratta di Cryptocurrency Mixing Service, ovvero servizi finalizzati a rendere non tracciabile il denaro digitale.
Sostanzialmente si tratta di rendere non identificabile l'origine del denaro, confondendo le tracce (il tutto mescolando le transazioni di differenti utenti).
Rappresentano il corrispettivo virtuale dello spostare soldi nei paradisi fiscali.

-Dark Wallet: l'acquisto in BTC è mischiato con quello di altre persone rendendo impossibile identificare al 100% chi ha acquistato e cosa.
In sede di vendita si può usare un indirizzo crittografato condiviso solo con lo specifico cliente.

-Bitcoin Laundering: questi servizi "ripuliscono" il denaro virtuale rendendolo come "nuovo" (cioè come se non fosse mai stato utilizzato sulle Darknet).
Il denaro è mescolato e poi scambiato con monete nuove impedendo il tracciamento.
Il tutto dura una mezz'oretta.

-Cyber Laundering: i BTC vengono mescolati tra di loro in modo tale da rendere impossibile l'attribuzione di una specifica operazione al singolo utente.
Servizi di questo tipo sono ovviamente a pagamento e trattengono il 2% della somma "lavata".
Inoltre l'importo viene leggermente aumentato (di centesimi) per aumentare ulteriormente il livello di sicurezza.
Ogni traccia è poi eliminata dal sistema dopo 24 ore.

-BitMixer: il denaro viene inviato nelle casse degli erogatori del servizio e costoro sostituiscono questo denaro con quello anonimo presente in cassa.
In questo modo viene interrotta la catena del Blockchain.


ALTRI CONSIGLI
-Utilizzare nuovi indirizzi per ogni pagamento ricevuto.

-Utilizzare diversi Wallet per rendere più difficile il tracciamento dei soldi.

-Impiego di più conti per spezzettare il denaro. Se devo pagare 3 BTC, posso dividere questa somma in più conti (ad esempio 0.6 BTC, 1 BTC, 1.1 BTC, 0.2 BTC, 0.1 BTC).
Si tratta sempre della stessa cifra ma il tracciamento risulterà quasi impossibile.

-La somma da rendere "non tracciabile" tramite "lavaggio" non deve essere fissa (se ho 3 BTC e il costo di trattenuta del Laundering è del 2%, risulta facile tracciare tutte le operazioni di ripulitura applicando il 2% ai 3 BTC).

-Movimenti dei BTC devono avere un ritardo casuale: da poche ore a settimane.
Ciò per evitare schemi fissi/regolari di spostamento, rendendo più facile il tracciamento del sospetto.

Nessun commento:

Posta un commento