Visualizzazioni Totali

IL MIGLIOR BLOG TECNOLOGICO DEL WEB: PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI SULLE NOVITA' DEL BLOG DA OGGI CI TROVATE ANCHE SU FACEBOOK! (LINK A SINISTRA)

giovedì 19 maggio 2016

Cosa Sono Gli Snuff Movie? Tra Finzione, Realtà e Deep Web

Gli Snuff Movie sono film o comunque piccoli video low cost (girati con videocamere approssimative e a bassa risoluzione, non essendoci professionisti dietro) che mostrano violenze e torture reali su animali e nei casi estremi su esseri umani, sino al sopraggiungere della morte.
Contrariamente a quello che si può credere questo genere molto perverso di film è molto richiesto.
Insomma a quanto pare sembra che la morbosità di vedere qualcuno morire dal vivo stia contribuendo a rendere questo filone persino una macabra forma d’arte.
Non deve sorprendere ciò, basti ricordare la ribalta mediatica che ebbero casi quali il suicidio in diretta di Budd Dwyer (durante una conferenza televisiva), il noto video del 2007 "3 Guys 1 Hammer" dei The Dnepropetrovsk Maniacs passando alle decapitazioni di terroristi (tipo quella del giornalista James Wright Foley da parte dell'ISIS) e quant'altro.
Qui però urge una precisazione: i video di terroristi che torturano e uccidono le proprie vittime non sono Snuff Movie perché intesi per dimostrazioni di guerra o comunque forzati.
Invece per quanto riguarda i maniaci ucraini citati in precedenza, i media locali riferirono che gli assassini avevano un piano per arricchirsi dai video degli omicidi che hanno ripreso (sarebbero stati rivenduti ad un non meglio precisato sito sul Web).
Furono 21 le vittime (delle 40 previste).
Ci sono molti altri casi di assassini che hanno filmato i loro atti, ad esempio Charles Ng e Leonard Lake registrati dal 1983 al 1985, torture commesse contro alcune donne che in seguito sono morte.
A metà degli anni ’90, il serial killer Paul Bernardo e Karla Homolka, hanno ripreso alcune delle loro vittime.
Nel 2012 viene messo in rete un efferato filmato che ha per protagonista Eric Newman.
Egli stesso ha infatti diffuso in rete una sequenza che lo ritrae nell'atto di uccidere, decapitare e smembrare il corpo di un giovane asiatico.
Newman sarà arrestato i primi di giugno in Germania.
Questi casi sopra citati non costituiscono un Snuff Movie.
Già con le le fantomatiche Red Room o i video che si perdono tra realtà (Daisy's Destruction e forse Dafu Love) e leggenda (Green Ball e forse Lolita Slave Toys) diffusi sul Deep Web, le cose cominciano a cambiare: trattandosi appunto di Snuff Video a pagamento (Bitcoin).
Molti di questi video sono stati girati dalla No Limits Fun (NLF).


SNUFF MOVIE PRESUNTI E QUASI REALI
Ad ogni modo gli Snuff per essere tali, dovrebbero avere un copione, nonché una vera e propria organizzazione atta a catturare vittime innocenti, un cast pronto a seviziare e torturare fino alla morte, senza che ci sia una guerra o motivi religiosi di mezzo.
Si sente parlare per la prima volta di questo termine nel 1921.
Forse questo filone nasce comunque nel 1971 con "Slaughter" che narra della strage di Bel Air, nella quale perse la vita anche la moglie di Roman Polanski, Sharon Tate, ad opera degli adepti di Charles Manson. Girarono voci (infondate) che il film venne girato con violenza non simulata, da qui il termine “Snuff”.
Possiamo inoltre ricordare "Snuff", "Cannibal Ferox", "Cannibal Holocaust" e "Mondo Cane".
In questi film sono presenti scene di violenza reale su animali come tartarughe, maiali, topi, scimmie e rettili, che culminarono con la morte delle povere bestie, nel caso del famigerato Cannibal Holocaust (1978).


SNUFF MOVIE FORSE REALI
Molti di questi video originariamente sarebbero girati al confine con il Messico dove sappiamo che gli omicidi sono all'ordine del giorno e, spesso, non vengono neppure denunciati (con tutto ciò che ne consegue riguardo la scomparsa di persone).
I film poi sono venduti a prezzi esorbitanti, a un gruppo selezionato di persone.
Per accedere a questo tipo di materiale non è sufficiente solo avere i soldi, ma si dovrebbe investigare la persona e la sua vita prima di farla entrare in questo sadico gruppo.
Nel 1986, ad Albuquerque (USA), un commerciante di nome John Zinn ha assunto tre uomini per rapire una donna e fare un Snuff Movie.
Nel 1988, scoppiò lo scandalo Larry King, venne infatti fuori, che l'uomo organizzava dei pedo-Snuff Movie, a cui partecipavano numerosi uomini che ricoprivano ruoli di fondamentale importanza nella società americana.
Grazie ad alcune testimonianze, è possibile avere un quadro più chiaro di ciò che accadeva realmente all'interno di questi pseudo-party.
King, venne inseguito condannato per falso in bilancio, ma a suo carico, non fu mai avviato alcun processo per le accuse lanciategli da alcuni giovani superstiti dalle atrocità subite.
Uno di questi giovani, si chiama Paul Bonacci, ed è recluso in isolamento nel centro correzionale di Lincoln a seguito alle numerose minacce ricevute.
Le dichiarazioni di Bonacci, furono così scioccanti, che vennero chieste numerose perizie psichiatriche.
Ciò che comunque emerse, fu l'assoluta sanità mentale del giovane.

Lui dirà: "Nell'estate del 1985, Larry King, mi portò insieme ad un altro ragazzo di nome Nicholas, in California, nel Colorado, per girare un film…C'era un ragazzo in gabbia, ci fecero spogliare ed indossare dei vestiti tipo Tarzan, e ci obbligarono a picchiare e ad avere rapporti sessuali con questo. In seguito, arrivò un uomo, che iniziò a picchiare il ragazzo e a sbatterlo come se fosse una bambola. Prese poi una pistola, e lo uccise sparandogli in testa".
"Sono stato testimone del sacrificio di bambini di pochi mesi. Era la ricorrenza della nascita di Cristo, e tutti cantavano per pervertire il suo sangue. Con un pugnale, uccisero e fecero a pezzi il piccolo, poi riempirono una coppa con il suo sangue, mescolandolo ad urina, e ci obbligarono a bere dalla coppa, mentre loro cantavano Satana è il Signore".

Le dichiarazioni di Bonacci, sono terribili, ma purtroppo non è mai stata, e forse mai verrà fatta, luce sull'intera vicenda.
Qualcuno però ha provato a farlo, investigatori privati, le vittime di questo sistema, ma tutti sono stati costretti a ritrattare, altri sono stati uccisi.
Nel 1997 Ernst Dieter Korzen e Stefan Michael Mahn hanno ripreso le loro sessioni di tortura nei confronti di due prostitute.
La seconda vittima fuggì e i due sono stati condannati all’ergastolo.
Nel 2000 un'inchiesta di un giornalista dell’Observer, riuscì a mettere le mani su alcuni documenti riservati dei servizi segreti britannici in cui si parlava dell’arresto di un cittadino russo che sarebbe stato coinvolto nella realizzazione di uno Snuff Movie insieme a un cittadino italiano.e sono stati assunti da una società che avrebbe venduto i video su internet.
Ad aprile 2014, Rob Wainwright, direttore di Europol, ha denunciato l'esistenza di una rete di pedofili, attiva su Internet, che commercia tramite la valuta on-line Bitcoin spettacoli depravati, eseguiti dal vivo in webcam, che vedono protagonisti bambini violentati e torturati.
Nel mese di aprile 2015, nel corso di un'indagine condotta dalla polizia del Belgio e del Sudafrica volta a sgominare un network globale di pedofili, sono stati scoperti alcuni file criptati che consentivano l'accesso a video raffiguranti stupri e omicidi di bambini.
Nel 2016 una ragazza di nome Alice venne invitata alle Iene.
A quel punto, tra le lacrime, la ragazza racconta di ricordare «un film dove sono stati uccisi dei bambini», in cui lei era sulla scena, «in un posto enorme», truccata come Biancaneve mentre gli altri bambini erano vestiti come i sette nani della favola.
Bambini piccoli, intorno ai quattro anni.
«A un certo punto entrano delle donne, vestite da streghe, con il naso finto e vanno fuori di testa. Ammazzano tutti i bambini. Li hanno sgozzati. A un certo punto credo di essere svenuta perché non ce la facevo più».
La ragazza conferma di essere stata presente su quel set, dove sentiva anche molte voci, segno tangibile della presenza di diverse persone.
Il racconto di Alice descrive quello che sembra essere uno Snuff Movie a tutti gli effetti.
Viviani spiega che si tratta di un video realizzato sotto compenso in cui delle persone vengono violentate e torturate davanti alla telecamera, generalmente fino alla morte.
Qualche mese fa anche sulla morte di Luca Varani sono state fatte ipotesi simili per quanto riguarda una presunta morte filmata e girata in diretta e poi rivenduta sul Deep Web o altrove.

Nessun commento:

Posta un commento