Visualizzazioni Totali

IL MIGLIOR BLOG TECNOLOGICO DEL WEB: PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI SULLE NOVITA' DEL BLOG DA OGGI CI TROVATE ANCHE SU FACEBOOK! (LINK A SINISTRA)

venerdì 27 marzo 2015

Taglia Su Chi Riuscirà A Scoprire L'Identità Di Verto e Kimble: Evolution (Deep Web)

Dopo lo "Exit Scam" su Evolution, uno dei più grandi bazar del Deep Web, dei suoi 2 amministratori anonimi che si sono rubati circa 12 milioni di dollari è partito un appello.
Infatti gli utenti truffati(e non solo loro) stanno raccogliendo i loro Bitcoin su un'altra entità anonima, questa volta per mettere insieme una ricompensa per chiunque riveli l'identità dei precedenti amministratori una pratica conosciuta con il nome di “Doxing”.
Come detto Evolution è scomparso 1 settimana fa assieme a Verto e Kimble e a tutti i Bitcoin dei fondi di garanzia del sito.
Il sistema di depositi di Evolution aveva come mediatori di fiducia i due amministratori per lo scambio di Bitcoin sul sito, ma dava loro carta bianca nell'accesso a tutti i depositi.
Se sono scappati con i soldi è solo perché tutti tutti avevano fiducia nel fatto che non lo avrebbero fatto.


DOXING
Mercoledì qualcuno ha lanciato una campagna di crowdfunding per il “doxing” degli amministratori Verto e Kimble, pubblicizzandola su vari subreddit e addirittura su Twitter.
“Facciamo in modo che non la passino liscia,” si legge in un post su Reddit.
“Se non cerchiamo di prenderli ora, questa cosa continuerà a succedere su tutti i bazar Onion.
Se non tentiamo di fermare questi comportamenti, non ci saranno mai mercati sicuri sulla Darknet.
“È arrivato il momento di porre fine a questa cosa una volta per tutte,” concludeva il post.
Dopo la notizia del blocco di Evolution sono girate molte voci su Verto e Kimble: un utente di Reddit “Deepthroat_,” ha posto un ultimatum ai due, minacciando di rivelare la loro identità se non avessero restituito tutti i Bitcoin degli utenti.
Chiunque ci sia dietro a questa campagna ha già raccolto quasi 22 Bitcoin, circa 5.800 dollari al tasso di cambio attuale, senza che ci sia nessuna assicurazione sul fatto che non sia essa stessa una truffa per ingannare i clienti di Evolution arrabbiati.
Le prime due donazioni, una delle quali corrispondeva a circa la metà delle donazioni totali, provenivano dalla stessa persona. Questo indica che forse la persona dietro la campagna ha cercato di dare legittimità all'iniziativa trasferendo soldi in un fondo da lui controllato.


PRECEDENTI
E non sarebbe la prima volta che accade una cosa del genere sulla Darknet.
“Mettere una taglia dopo un furto di Bitcoin su larga scala è una pratica piuttosto comune,” ha detto Nik Cubrilovic, un esperto di sicurezza che ha seguito il mercato nero della Darknet per anni.
Ma ha aggiunto: “nessuna delle iniziative del passato ha mai avuto successo:”
Come ha notato Cubrilovic, campagne di questo genere erano state lanciate anche quando Mt.Gox, che allora era la più grande piattaforma di scambio di Bitcoin, scomparve, e anche quando un altro bazar Sheep Marketplace, si disattivò, e molti pensarono che si trattasse di un “Exit Scam”.
Nella campagna per Sheep Marketplace venne colpita una persona innocente, ha affermato Cubrilovic, mostrando i pericoli di questo tipo di iniziative.


RISULTATI
Per ora questa campagna non ha ancora prodotto vittime/risultati e non è chiaro se sia una truffa o meno.
Pare che i tentativi amatoriali di scoprire l'identità di Verto e Kimble non abbiano prodotto risultati, rendendo forse attraente l'idea di una taglia collaborativa per scoprirli.
Ma se le campagne di questo genere del passato insegnano qualcosa, probabilmente neanche la ricompensa porterà e risultati o peggio si scoprirà che era una truffa.

Nessun commento:

Posta un commento